Angelica: proprietà, benefici e controindicazioni

    Angelica: proprietà, benefici e controindicazioni

    Angelica: proprietà, benefici e controindicazioni

    L’angelica è una pianta di grosse dimensioni appartenente alla famiglia delle Ombrellifere. Può raggiungere un’altezza pari a un metro e mezzo ed è dotata di un fusto robusto, glabro e ramificato che mostra striature rossastre. I fiori sono di colore bianco o giallo-grigio, mentre le foglie sono larghe e dentate. È diffusa nell’Europa del nord e nella zona orientale, mentre in Italia è abbastanza difficile trovarla. Questa pianta possiede molte proprietà che possiamo sfruttare a beneficio del nostro organismo. Ecco tutte le sue caratteristiche, le proprietà, i benefici e le controindicazioni alle quali fare attenzione.

    Angelica benefici proprieta e controndicazioni

    Le proprietà dell’angelica

    Questa pianta possiede numerose proprietà che possiamo sfruttare per il benessere del nostro organismo, in particolare per lo stomaco, l’intestino e le vie respiratorie. Tra le proprietà più importanti, infatti, si annoverano quelle antispasmodiche, carminative, antinfiammatorie, digestive, espettoranti, calmanti, antidolorifiche. Il suo impiego, infatti, è molto ampio e aiuta a curare diverse affezioni e disturbi del corpo.

    I benefici dell’angelica

    Grazie alle sue numerose e variegate proprietà, questa pianta si presta bene contro molti disturbi e affezioni dell’organismo. Ad esempio è molto utile durante la stagione invernale, contro le malattie da raffreddamento come tosse, mal di gola, febbre, influenza e congestione nasale grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, espettoranti e in grado di sciogliere il catarro e liberare le vie aeree. Le sue proprietà carminative, invece, risultano molto utili per il benessere dell’intestino e in particolare contro gli episodi di stitichezza, in quanto aiuta a ripristinare le funzioni fisiologiche intestinali. Le proprietà digestive, invece, stimolano le secrezioni gastriche al fine di velocizzare la digestione, evitando il reflusso gastroesofageo. La sua azione calmante e antidolorifica, invece, la rende un’ottima alleata durante il ciclo mestruale in quanto aiuta a calmare i dolori e i crampi addominali.

    Controindicazioni e possibili effetti collaterali

    Come molte altre piante ed erbe officinali utilizzate per il benessere del nostro organismo, anche l’angelica può avere effetti collaterali o controindicazioni alle quali fare attenzione prima dell’utilizzo. In particolare questa pianta è sempre controindicata e caldamente sconsigliata durante il periodo della gravidanza e quello dell’allattamento. Inoltre, ne è sconsigliata l’assunzione quando ci si espone alla luce solare poiché la pianta contiene furanocumarine, una sostanza fototossica. Nel caso in cui invece si manifestasse un’ipersensibilità a questa pianta, è possibile incontrare alcuni effetti collaterali come febbre, diarrea e sanguinamenti. Per questi motivi, prima di procedere al suo utilizzo, è consigliabile rivolgersi a uno specialista o a un medico.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.