Curcuma dosi giornaliere: consigli utili su come consumarla

    Curcuma dosi giornaliere: consigli utili su come consumarla

    La Curcuma fa bene al corpo, ecco alcune delle sue proprietà

    La Curcuma, è una spezia dalle molteplici proprietà benefiche per l’organismo. Rimedio naturale a tanti mali, è protettore gastrointestinale, potente antinfiammatorio, molto usata in cucina.

    Cura, infatti, i disturbi digestivi, attenua i dolori causati da gastriti e infiammazioni intestinali di varia natura, fungendo inoltre da protettore dello stomaco e del fegato. La Curcuma è la spezia dal colore giallo-arancio dotata di importanti potenzialità antinfiammatorie, antiossidanti, antidolorifiche.

    Tra le altre proprietà terapeutiche ricordiamo che è efficacissima contro le coliti ulcerose, l’artrite reumatoide e la pancreatite. Idem dicasi per i problemi di natura dermatologica quali eczema, micosi, psoriasi; per quanto riguarda i dolori mestruali, poi, fa davvero i miracoli!

    Curcuma, qual è la dose giornaliera consigliata? 

    La dose giornaliera di Curcuma consigliata è di circa 2 grammi, quantità corrispondente a circa un cucchiaino da tè. In quanto dimostrato da diversi studi, l’unico ‘problema’ di questa spezia è soprattutto quello della scarsa biodisponibilità, ossia la difficoltà per il nostro organismo di poterla assorbire e quindi utilizzare al meglio.

    Leggi anche: Curcuma controindicazioni, proprietà e benefici: tutto sulla spezia “gialla”

    Per ovviare a questo inconveniente, tuttavia, si consiglia di associare al suo consumo un po’ di pepe nero (è sufficiente una puntina di cucchiaino) o in alternativa un grasso, come ad esempio l’olio d’oliva extravergine.

    Curcuma dosaggio:

    • Curcuma in polvere: il consumo giornaliero di curcuma può variare da 1,5 e 3 g, ovvero circa l’equivalente di un cucchiaino da tè;
    • Curcuma infuso: si prepara con 1,5 o 2 g di curcuma lasciati in infusione in 150 ml di acqua bollente. La posologia consigliata è di due tazze al giorno;
    • Curcuma tintura madre: si consiglia per casi di infezioni batteriche o virali, come antinfiammatorio, antispastico, cardio prottetore e coadiuvante nella terapia di regolarizzazione dei grassi e del colesterolo. L’apporto giornaliero è di 10 ml.
    • Estratto normalizzato di curcuminoidi: efficace in caso di infiammazioni, si consiglia di assumerlo in dosi da 300 o 400 mg tre volte al giorno.

    Consumo della Curcuma: tre consigli importanti

    1. Per mantenere al meglio le proprietà di questa spezia è meglio utilizzarla a crudo; aggiungerla cruda nei cibi solo a fine cottura, al fine di evitare la dispersione di alcuni dei suoi principi nutritivi.
    2. Per assimilarla al meglio l’ideale è consumarla con un po’ di pepe o un grasso.
    3. Non assumerne dosi eccessive e in caso di calcoli biliari non assumerla affatto, salvo i casi in cui è un medico ad averla prescritta.