Gambe e pancia gonfie, come depurarsi e sgonfiarsi: alcuni consigli utili

Gambe e pancia gonfie, come depurarsi e sgonfiarsi: alcuni consigli utili

Gambe e pancia gonfie: rimedi naturali e consigli per risolvere il problema

Gambe e pancia gonfie? Ritenzione idrica e senso di stanchezza? Complice il caldo, lo stare troppo in piedi e una vita sedentaria, questi disturbi – spesso dovuti anche ad una cattiva alimentazione – si acuiscono d’estate.

Cosce, gambe e pancia sono le parti del corpo dove si tende maggiormente ad accumulare grasso, ma con pochi accorgimenti e tanta costanza si può rimediare. Bisogna anzitutto seguire un regime alimentare bilanciato e sano e praticare un esercizio fisico regolare e mirato.

Cosa mangiare? Prediligete gli alimenti di più facile digeribilità e che non apportano quantitativi di grassi in eccesso, che se assunti andrebbero a depositarsi sulle gambe, rendendole ancora più pesanti e facendole ingrassare. Meglio puntare su un gran consumo di frutta a verdura di stagione, cereali integrali, riso, carni e pesce magri. Carne bianca cucinata alla piastra, un filo di olio crudo e, se possibile, rinunciare ai fritti. Evitare inoltre tutti quei cibi che tendono a fermentare nello stomaco e provocare gonfiore quali farinacei e alimenti che contengono lieviti.

Cosa bere? Banditi alcol e bevande gassate e zuccherate, sì ai frullati fatti in casa, bevande detox e tè. Acqua minerale a volontà, almeno un litro e mezzo al giorno, in quanto aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso.

Gambe pesanti e pancia gonfia, i consigli degli esperti:

“I fastidi delle gambe gonfie possono essere alleviati con qualche accorgimento e con uno stile di vita più sano, all’insegna di una alimentazione equilibrata e del movimento”, hanno spiegato gli esperti di ‘Assosalute’, Associazione nazionale farmaci di automedicazione, che dà il decalogo delle gambe perfette. Ecco alcuni consigli per mantenerle leggere e in salute:

  • Fare attività fisica: camminare per almeno 30 minuti al giorno, corsa, bici, ellittica, piscina e chi più ne ha più ne metta. L’importante è combattere la sedentarietà. Lo sport è fondamentale per avere una buona circolazione del sangue e favorisce il mantenimento di un buon ritorno venoso.
  • Mangiare sano e perdere eventuali chili in eccesso.
  • Cambiare spesso posizione: se una attività vi costringe ad assumere sempre la stessa postura, il consiglio è di far lavorare le caviglie sollevandosi sulle punte, almeno per 2 minuti ogni ora; oppure sollevare le gambe almeno per un quarto d’ora 3 volte al giorno.
  • Gambe sollevate durante il riposo: bisognerebbe inclinare il letto o sollevare il materasso, in modo che le estremità inferiori rimangano sollevate di 15-20 centimetri.
  • Tacchi altri, usarli con moderazione: evitate anche di camminare scalzi in quanto è importante mantenere la curvatura naturale del piede. Gli eccessi non vanno mai bene! L’ideale? Un tacco comodo e di pochi centimetri.
  • Abbigliamento: no a vestiti troppo fascianti perché ostacolano la corretta circolazione. Idem dicasi per la scarpe, che non devono essere scomode e costringere eccessivamente il piede.
  • Idratazione: è molto importante assumere molti liquidi durante la giornata, anche lontano dai pasti.
  • Doccia fresca: le basse temperature dell’acqua, infatti, tonificano e riattivano la circolazione. Il bagno caldo, che aumenterebbe la vasodilatazione, è meglio rimandarlo alle stagioni più fredde.
  • Massaggi: riattivano la circolazione delle gambe in caso di pesantezza e gonfiore, ancora meglio se associati a un getto di acqua tiepida.