Perché mangiare miele ogni giorno fa bene

    Perché mangiare miele ogni giorno fa bene

    Perché mangiare miele ogni giorno fa bene

    Il miele è uno degli alimenti più sani e naturali che possiamo consumare. Possiede numerosi benefici per il nostro organismo, per il cervello, il fegato e altri organi ed è sempre molto indicato per combattere le malattie da raffreddamento come il mal di gola, la tosse, la congestione nasale e la febbre. Infatti, il miele possiede forti proprietà antisettiche e antibatteriche, per questo mangiare almeno un cucchiaio di miele al giorno può fare bene alla nostra salute. Ecco perché mangiare miele ogni giorno fa bene.

    Perche il miele fa bene al cervello

    Il miele fa bene al cervello

    Mangiare un cucchiaio di miele al giorno fa bene al nostro cervello. Come sappiamo, il cervello richiede almeno il 20 per cento dell’energia assunta dal nostro corpo tramite il cibo e per ovviare a questa necessità molti fanno ricorso ad alimenti stimolanti, come il caffè che contiene molta caffeina. Secondo uno studio condotto dall’Università Jahangirnagar del Bangladesh nel 2014, è emerso che il miele è uno degli alimenti migliori per fornire energia al nostro cervello. È un alimento ad alto contenuto energetico in grado di fornire subito le calorie necessarie al sostentamento di questo organo.

    Il miele per la menopausa

    Il miele farebbe bene alle donne in menopausa e queste dovrebbero consumarne almeno un cucchiaio al giorno. Il calo degli estrogeni dovuti alla menopausa, infatti, può avere effetti deleteri sulla capacità di concentrazione e sulla memoria, inoltre, possono soffrire di carenza di calcio e andare incontro all’osteoporosi. Il calcio è un minerale presente nel miele assieme al fosforo, al magnesio, al rame, allo zinco, al ferro e al potassio.

    Il miele per il fegato e il sonno

    Questo prezioso alimento può avere effetti benefici anche su altri organi, come il fegato. Se consumato durante la sera, infatti, può essere molto utile per l’attività epatica in quanto alimenta i processi depurativi e aiuta a pulire l’organismo con molta più efficienza donando all’organo molta più energia. Tutto ciò si traduce anche in un maggior riposo, dato il minore affaticamento del fegato e del resto dell’organismo durante la fase digestiva serale.

    Il miele per le malattie invernale

    Durante la stagione fredda si consiglia sempre di consumare almeno un cucchiaino di miele al mattino. Questo perché è in grado di proteggere il cavo orale dalle infezioni virali e batteriche, oltre a disinfettarlo da eventuali infiammazioni. Se unito a una tisana a base di zenzero può fungere da integratore naturale e da decongestionante.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.