San Valentino, menù afrodisiaco: ecco le ricette per una cena rossa e...

    San Valentino, menù afrodisiaco: ecco le ricette per una cena rossa e speciale

    San Valentino, vorreste organizzare un menù afrodisiaco per il vostro partner e non sapete da dove cominciare? UrbanPost vi offre un’idea stuzzicante ed originale: il menù rosso e afrodisiaco di San Valentino, composto da antipasto, primo, secondo e dessert. Quando si pensa ad una cena romantica vengono subito in mente luci soffuse, candele profumate, musica di sottofondo, fiori, cura dei dettagli: ecco perché, prima di tutto, il nostro consiglio è quello di decorare con attenzione ed amore la tavola per la cena, scegliendo addobbi rossi che possano impreziosire l’atmosfera (stando attenti, però, a non scivolare nell’effetto “canone di Natale“!). Petali di rosa, chicchi d’uva, pomodorini, mele, candele rosse, peperoncini o pizzi: è tutto lecito a San Valentino, basta stuzzicare la fantasia.

    Ma passiamo al menù, con le sue quattro portate:

    1) Antipasto di ostriche e champagne
    2) Linguine all’astice
    3) Tartare di tonno al peperone e mandorle
    4) Flan al cacao con coulis di melograno e macedonia fresca

    1) Antipasto:

    è vero, di rosso qui c’è poco. Ed anche la preparazione è ridotta al minimo. Ma cosa c’è di più afrodisiaco di questi due ingredienti, per giunta messi insieme? La fama ed il prestigio di questo vino, associati all’azione inibitoria ed eccitante dell’alcool, è ciò che serve per dare un tocco di sensualità alla serata. In alternativa allo champagne potete sempre optare per un buonissimo prosecco.

    2) Primo, ingredienti:

    170 grammi di linguine; 150 grammi di pomodori ben maturi; 1 astice; 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva; mezza cipolla; 1 spicchio d’aglio; mezzo bicchiere di vino bianco secco; peperoncino; sale

    Preparazione:

    Separate la testa dell’astice dalla coda e spaccatela a metà nel senso della lunghezza, in modo da recuperarne l’interno. Pulite la coda e recuperatene la carne. Incidete leggermente a x i pomodori, tuffateli in acqua in ebollizione per qualche minuti e, quando si saranno freddati, privateli di buccia e semi e tagliuzzateli.

    Scaldate l’olio in un tegame e fatevi rosolare a fuoco vivo, per pochissimi minuti, la carne dell’astice che avrete tagliato a pezzetti; quindi tiratela su e mettete nel tegame la mezza cipolla tritata finissima e lo spicchio d’aglio schiacciato e con la buccia. Abbassate la fiamma per far dorare la cipolla. Nel frattempo rompete le chele e recuperate tutta la polpa contenuta ed aggiungetela al trito.

    Unite i pomodori, insaporite con il peperoncino, sfumate con il vino e fate cuocere per un quarto d’ora. Al termine, regolate di sale ed unite al sugo la carne dell’astice, il contenuto della testa ed- eventualmente- le uova. Spegnete il fuoco. Lessate le linguine, scolatele al dente e fatele saltare per un minuto a fiamma viva nel sugo di astice prima di servirle ben calde. Il peperoncino è l’alimento più afrodisiaco di tutti poiché stimola la vasodilatazione periferica aumentando l’afflusso di sangue agli organi genitali.

    3) Secondo, ingredienti:

    150 grammi di tonno freschissimo; 1 peperone rosso; 50 grammi di mandorle; 1 cucchiaio di prezzemolo, mezzo cucchiaino di capperi; peperoncino; olio estravergine di oliva; sale e pepe

    Preparazione:

    Sminuzzate con un coltello ben affilato il tonno a pezzettini e frullate mandorle, prezzemolo, capperi, olio, peperoncino, sale e un goccio d’acqua. Abbrustolite il peperone su una padella bollente o in forno in modo che la buccia si bruci completamente. Una volta raffreddato sbucciatelo e tagliatelo a cubettini.

    Amalgamate tonno e peperone con poco sale, olio, pepe. Versate il composto in un coppapasta e pressatelo appena, in modo che risulti compatto. Servitelo su un piatto con il paté di mandorle, decorando con un ciuffo di prezzemolo, pepe e olio. Sapevate che anche le mandorle sono afrodisiache? Il merito è della vitamina E, che agisce direttamente sul desiderio sessuale, sopratutto femminile.

    4) Dessert, ingredienti:

    lamponi e fragole qb; 200 grammi di chicchi di melograno; 20 grammi di zucchero; scorza grattugiata di 1/4 di limone; 75 grammi di cioccolato fondente; 50 grammi di burro; 10 grammi di farina; 1 uovo più mezzo tuorlo; semi di 1 bacca di vaniglia; 5 cacao amaro in polvere

    Preparazione:

    Sgranate e lavate i chicchi di melograno facendo attenzione a togliere le pellicine bianche; metteteli in padella con lo zucchero e la scorza di limone e fate cuocere per 10-15 minuti a fuoco vivo, facendo attenzione a non bruciare il tutto.

    Tagliate grossolanamente il cioccolato e mettetelo a sciogliere a bagnomaria, poi aggiungete 40 grammi di burro tagliato a pezzetti e amalgamate bene il tutto (potete fare il tutto anche al microonde). Mettete in una ciotola le uova, la vanillina e lo zucchero e sbattete gli ingredienti con uno sbattitore elettrico fino a che il composto non è chiaro, gonfio e denso.

    Incorporate il composto di burro e cioccolato a quello di uova e unite farina e cacao setacciati. A questo punto imburrate e ricoprite di cacao amaro in polvere gli stampini in alluminio, riempiteli per tre quarti e infornateli nel forno a 180°. Dopo 13-15 minuti toglieteli, fateli raddreddare un po’ e capovolgeteli sul piatto da portata.

    Servite con la salsina di melograno e una macedonia fresca di lamponi e fragole. Per gli Atzechi il cioccolato era il cibo degli dei: è ricco di antiossidanti e sostanze eccitanti come la teobromina e la feniletilamina.

    Per concludere in bellezza la serata afrodisiaca potrete gustare insieme al vostro lui od alla vostra lei un buon caffè al ginseng. Le sue proprietà tonicizzanti e stimolanti si accompagnano a quelle afrodisiache: il ginseng stimola infatti la circolazione e migliora l’afflusso sanguigno verso gli organi sessuali.