Spinaci: proprietà, calorie, valori nutrizionali e usi

    Spinaci: proprietà, calorie, valori nutrizionali e usi

    Gli spinaci, scientificamente noti come Spinacia oleracea, sono una pianta erbacea originaria dalla Persia facente parte della famiglia delle Chenopodiaceae, in cui rientrano amaranto, barbabietola e quinoa.

    Leggi anche: Tutte le news con ViviPuro

    Le proprietà degli spinaci

    Gli spinaci contengono ferro. Tuttavia bisogna specificare che, perché l’organismo lo possa assorbire in maniera adeguata, è essenziale che sia a disposizione una certa quantità di vitamina C. Ecco perché è consigliabile mangiare gli spinaci conditi con il limone, se soffriamo di carenza di ferro e vogliamo mangiare qualcosa per combattere l’anemia. Queste verdure abbondano anche di nitrato, una sostanza che, specialmente ultimamente, la ricerca scientifica sta prendendo in grande considerazione, perché sembra che aiuti ad aumentare la forza dei muscoli. Inoltre gli spinaci sarebbero utili anche contro il diabete.

    Ricchi di fibre, sono utili in caso di stitichezza e, grazie alla luteina, riescono a badare alla salute della retina e quindi a quella degli occhi in generale. L’acido folico (altra sostanza presente in quantità elevate negli spinaci) riesce ad apportare molti benefici al sistema immunitario, rendendolo più forte; inoltre aiuta l’organismo nella produzione dei globuli rossi. Si dovrebbe evitare la cottura degli spinaci, meglio mangiarli in insalata con olio e sale, perché, se vengono lessati, perdono circa la metà delle loro proprietà.

    Spinaci valori nutrizionali

    Di seguito, i valori nutrizionali degli spinaci:

    • Kcal 31
    • Acqua 90,1g
    • Proteine 3,4g
    • Grassi 0,7g
    • Carboidrati 2,9g di cui zuccheri 0,4g
    • Fibre 1,9g

    Le controindicazioni sugli spinaci

    Le controindicazioni degli spinaci sono limitate. L’ortaggio dovrebbe essere evitato da chi ha problemi di calcoli renali, da coloro che soffrono di osteoporosi e dai pazienti che devono guarire da fratture ossee. La ricerca scientifica è, infatti, riuscita a dimostrare come l’acido ossalico, contenuto negli spinaci, non solo può essere responsabile della formazione dei calcoli, ma può influire negativamente sull’assorbimento del calcio.