Trigliceridi alti: abbassarli con la dieta dei legumi

    Trigliceridi alti: abbassarli con la dieta dei legumi

    I trigliceridi alti nel sangue costituiscono una condizione medica nota come ipertrigliceridemia; questa è una forma di iperlipidemia (dislipidemia) caratterizzata dall’aumento eccessivo dei trigliceridi nel sangue. Avere i trigliceridi alti aumenta significativamente il rischio di infarto, ma la sua importanza statistica non è ancora stata completamente differenziata da quella del’ipercolesterolemia (colesterolo alto), alla quale spesso (ma non necessariamente) si accompagna.

    Leggi anche: Tutte le news con ViviPuro

    Quali legumi mangiare?

    I legumi offrono straordinari benefici all’organismo e sono un rimedio naturale per i trigliceridi alti: sono ricchi di proteine vegetali (più facilmente assimilabili di quelle animali) e lecitina, un fosfolipide che favorisce l’emulsione dei grassi evitando che i trigliceridi si accumulino nel sangue. Abbinati a una fonte di cereali integrali, costituiscono un alimento completo e ideale per la salute.  Le tipologie di legumi sono davvero tante: non consumare solo quelle più tradizionali come ceci, fagioli o lenticchie, ma riscopri anche altre varietà meno conosciute e altrettanto salutari.

    • Arachidi, erroneamente considerate frutta secca, ricche di vitamina E e Omega 3, contrastano l’insorgenza di malattie cardiocircolatorie, senza bisogno di aggiungere integratori
    • Lupini, una vera e propria ricarica di Omega 6 contro l’accumulo di colesterolo cattivo
    • Cicerchie, ricche di vitamina B, fibre, sali minerali, polifenoli, fosforo e calcio.

    Minestra di arachidi e orzo per abbassare i trigliceridi

    Questo piatto è perfetto per ridurre i trigliceridi, sciogliere grassi e contrastare gli affaticamenti. Per prepararlo, versate in una pentola a pressione, riempita con 6 tazze d’acqua, una mezza tazza di orzo mondo (dopo averlo messo in ammollo per una notte), una foglia di alloro, 6 funghi chiodini e cuoceteli a pressione per 40 minuti. Trasferite il tutto in un’altra pentola per continuare la cottura a fiamma bassa per una decina di minuti, aggiungendo una cipolla bianca e un gambo di sedano tagliati a dadini, un pezzetto di verza e una manciata di erbette tagliate. Condite con olio evo in cottura e, spento il fuoco, aggiungete succo di zenzero (q.b.) e mezza tazza di arachidi sgusciate. Insaporite con abbondante cipollotto, erba cipollina o prezzemolo (q.b.) e un pizzico di sale.