Artemisia: proprietà, benefici e controindicazioni

    Artemisia: proprietà, benefici e controindicazioni

    Artemisia: proprietà, benefici e controindicazioni

    L’artemisia è una pianta di tipo perenne appartenente alla famiglia delle Asteracee. Il suo fusto è eretto e di colore rossiccio è può raggiungere la lunghezza di un metro e mezzo. I fiori, di forma tubulare mostrano un colore giallo-rosso, mentre i frutti sono lisci, oblunghi e senza pappo. Si tratta di una pianta che possiede numerose proprietà che possiamo sfruttare per il benessere del nostro organismo e molto utile durante la stagione invernale per via della sua capacità di combattere le malattie da raffreddamento. Ecco tutte le sue caratteristiche, i benefici e le possibili controindicazioni.

    Artemisia benefici proprieta controindicazioni

    Le proprietà dell’Artemisia

    Questa pianta possiede diverse proprietà benefiche molto utili per il nostro organismo. Le radici, ad esempio, hanno proprietà sedative, mentre dalle sommità e dai fiori della pianta si possono estrarre oli essenziali come il beta tujone, il cineolo, il linaolo, borneolo e molti altri. Contiene molti flavonoidi e vitamine utili che donano proprietà antispasmodica, espettorante, antisettica e antinfiammatoria. Può essere impiegata anche per l’intestino e contro i parassiti grazie alle sue proprietà antiparassitarie.

    I benefici dell’Artemisia

    Grazie alla presenza di vitamine e flavonoidi, questa pianta può essere utilizzata per prevenire e combattere le principali malattie da raffreddamento come la congestione nasale, la tosse, il mal di gola, la febbre e l’influenza. Si dimostra una valida alleata contro il catarro grazie alla sua proprietà espettorante e calmante per le vie aeree. L’attività antispasmodica è invece utile per l’intestino, così come le sue proprietà antiparassitarie. Attenua gli spasmi muscolari, soprattutto nei casi di ciclo mestruale doloroso, e combatte l’amenorrea grazie alle sue proprietà emmenagoghe. La proprietà sedativa, invece, può essere sfruttata per calmare il sistema nervoso centrale, per combattere l’ansia, gli attacchi di panico e regolare il ritmo sonno-veglia contro l’insonnia.

    Controindicazioni

    L’artemisia, così come molte altre piante utilizzate per migliorare il benessere del nostro organismo, può presentare alcuni effetti collaterali e controindicazioni alle quali prestare molta attenzione. In primo luogo, nei casi di dosaggi elevati può presentare nausea, vomito, diarrea e crampi addominali e dermatiti. Bisogna fare attenzione per quanto riguarda i soggetti allergici e predisposti poiché può causare reazioni avverse. Inoltre, la dosa eccessiva di Artemisia può danneggiare anche il sistema nervoso. È controindicata durante il periodo della gravidanza e quello dell’allattamento e nei pazienti che presentano gastrite. In ogni caso, per evitare dubbi e conseguenze spiacevoli, si consiglia di consultare un medico o uno specialista.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.