Pancia gonfia? I rimedi naturali per contrastare questo fastidioso disturbo

    Pancia gonfia? I rimedi naturali per contrastare questo fastidioso disturbo

    Pancia gonfia e meteorismo? Alcuni consigli per risolvere il problema

    Pancia gonfia, meteorismo, senso di pienezza che prescinde dall’aver mangiato più o meno in abbondanza. Sono tutti disturbi, questi, che affliggono moltissime persone (i dati parlano del 20% della popolazione italiana, circa 12 milioni di persone) e che il più delle volte è una cattiva alimentazione a causare. A fare il resto anche lo stress, ovviamente, e in alcuni casi l’accumulo eccessivo di adipe proprio nella zona addominale.

    Un disturbo di natura ‘psicosomatica’, che spesso va a braccetto con l’irregolarità intestinale. Cosa fare per debellare o quanto meno contrastare questo problema? Ebbene, contro la pancia gonfia esistono dei rimedi naturali che possono risultare molto efficaci.

    Il primo consiglio che vi diamo è quello di evitare di consumare i cibi in scatola. Chi soffre di gonfiore addominale infatti spesso aggrava la sua condizione dopo aver mangiato cibi in scatola e confezionati. Questo perché, soprattutto, tal genere di alimenti è conservato in contenitori di alluminio, che dunque contengono un quantitativo di nichel eccessivo che potrebbe essere causa di diversi disturbi gastrointestinali, particolarmente nei soggetti allergici. Il Nichel è un metallo presente nell’alluminio delle scatolette, e si trasferisce con facilità ai prodotti che son contenuti al suo interno. Meglio dunque prediligere sempre cibi freschi.

    I cibi in scatola inoltre contengono molti conservanti, additivi e coloranti che, nelle persone che già soffrono di intolleranze alimentari, potrebbero oltremodo acuire i disturbi sopra citati, ovvero pancia gonfia, flatulenza, meteorismo, pesantezza addominale.

    Un’altra regola fondamentale da seguire per avere la pancia piatta è quella di non saltare mai i pasti: meglio fare piccoli spuntini a base di cereali e frutta, ad esempio, per non arrivare molto affamati ai pasti principali della giornata evitando così di abbuffarsi e affaticare troppo l’intestino. Non mangiate la frutta a fine pasto, perché gonfia eccessivamente e aumenta l’acidità di stomaco e la fermentazione intestinale.

    La frutta è infatti meglio consumarla lontana dai pasti, in particolare l’uva, che depura reni e fegato, e l’ananas (l’unica concessa a fine pasto in quanto aiuta la digestione), la papaya e avocado, frutti ricchi di principi attivi disintossicanti, e kiwi, arance e pompelmo, ricchi di vitamine.

    Pancia gonfia: i cibi che aiutano a combatterla

    Esiste una serie di cibi e alimenti efficaci contro la pancia gonfia; primo su tutti il tè verde, poi lo yogurt bianco, il pepe rosa, il peperoncino, il grano saraceno, il pesce in generale, il cavolo rosso ed il pompelmo. Per i condimenti preferire le erbe aromatiche e le spezie, tra cui salvia, rosmarino, basilico, menta e prezzemolo.

    Consumare questi alimenti permette di contrastare il fastidioso problema del gonfiore addominale, spesso accompagnato da altri disturbi come stipsi, diarrea, crampi addominali e in generale irregolarità intestinale. Questi cibi favoriscono la depurazione dell’organismo e stimolano l’attività dell’intestino.

    Sì a mele, kiwi, succhi di frutta, in particolare ananas e mirtillo, miele e pane integrale. Le fibre non devono mai mancare a tavola, perché svolgono funzioni estremamente utili per la salute del nostro organismo.

    Pancia gonfia, i cibi da evitare

    Chi soffre di pancia gonfia deve invece evitare alimenti a base di carboidrati, i legumi, i broccoli, i cavolfiori e i peperoni. No alle verdure cotte e al latte con lattosio (mucca, pecora, capra, bufala), formaggi duri e molli con lattosio, mozzarella con lattosio et similia. Banditi ovviamente i cibi fritti o troppo conditi, le bibite gassate, compresa l’acqua.

    Evitare più in generale tutti i cibi ad alta capacità fermentativa: i legumi, alcune verdure (come carciofi, broccoli, aglio), frutti (come cachi e anguria) e cereali (frumento e segale). Evitare infine i polioli, contenuti in frutta come ciliegie e susine, verdura come cavolfiori e funghi, e dolcificanti quali mannitolo, sorbitolo e xilitolo.

    Altri rimedi naturali contro la pancia gonfia

    Altri rimedi naturali per contrastare il gonfiore addominale sono rappresentati dalle tisane da assumere anche immediatamente dopo aver ingerito una quantità eccessiva di cibo; preparatele a base di zenzero. Assumete anche i fermenti lattici, toccasana per alleviare i sintomi della pancia gonfia; ancora, il carbone vegetale, altro rimedio efficace contro questo disturbo.

    “La fermentazione dei cibi, in certe persone predisposte può determinare un accumulo di gas che, insieme a un concomitante maggior afflusso di acqua, causano una distensione del lume intestinale. Questo, complice l’ipersensibilità che caratterizza tali soggetti, causa distensione e dolore addominale. Le nuove conoscenze scientifiche ci permettono di lasciarsi alle spalle il detto “noi siamo quello che mangiamo”, oramai superato, per fare posto a un nuovo concetto: noi siamo il cibo che assorbiamo e soffriamo per quello che non assorbiamo e che la flora fermenta”

     

    Così spiega il dottor Enrico Stefano Corazziari, del Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche, Sapienza, Università di Roma, autore di uno studio che ha dimostrato che semplicemente eliminando gli alimenti che provocano una eccessiva fermentazione si ottiene una diminuzione del gonfiore addominale del 50%, che, dopo 16 mesi, raggiunge il 66%.

    La ricerca ha provato l’efficacia della dieta anti-gonfiore. Secondo i risultati ottenuti, infatti, il 40% dei soggetti coinvolti dopo un mese di dieta aveva riscontrato la diminuzione del gonfiore del 50%, e dopo 16 mesi, del – 66%. Nel contempo è diminuito il dolore addominale del 40%, già dopo un mese di dieta, e la sua percezione veniva più che dimezzata anche dopo 16 mesi. “Abbiamo sottoposto a questa dieta più di un centinaio di persone. Tuttavia lo studio ne ha prese in considerazione 75 di entrambi i generi, e seguite per un periodo medio eccezionalmente lungo per questo tipo di studi: oltre 2 anni in media”, ha spiegato Corazziari, “Lo studio è stato condotto su persone con intestino irritabile ma la dieta è consigliabile per tutti coloro che hanno problemi di pancia gonfia”.