Tisana al biancospino: proprietà e benefici contro l’ipertensione

    Tisana al biancospino: proprietà e benefici contro l’ipertensione

    Tisana al biancospino: proprietà e benefici contro l’ipertensione

    In medicina, la pressione alta viene definita come ipertensione. Questa condizione comporta, infatti, un’eccessiva pressione all’interno della circolazione sanguigna e un notevole sforzo per il nostro cuore. In molti casi, circa il 90 per cento, l’origine non è patologica, mentre nella restante percentuale può invece dipendere da problemi a reni, cuore, sistema endocrino e arterie. Esistono, però, alcuni rimedi naturali molto efficaci e che aiutano a tenere la pressione sanguigna sotto controllo. Uno di questi è la tisana al biancospino. Ecco quali sono le sue proprietà e i benefici per il nostro organismo.

    Tisana al biancospino ipertensione

    Tisana al biancospino: proprietà

    Per trattare la pressione alta spesso si utilizza il biancospino, questo grazie alle sue numerose proprietà benefiche per la circolazione sanguigna e il cuore. È infatti ricco di flavonoidi, antiossidanti e principi attivi quali la vitexina e i proantocianidoli. Dunque possiede proprietà rilassanti, lenitive e calmanti, mentre la presenza di vitamine e sali minerali lo rendono un ottimo integratore naturale.

    Tisana al biancospino: benefici

    Grazie alle sue numerose proprietà e alla presenza di principi attivi e antiossidanti come i flavonoidi, il biancospino si dimostra utile contro l’ipertensione. La vitexina, ad esempio, ha una funzione sedativa e rilassante e aiuta a combattere condizioni di stress e ansia, inoltre regola il ritmo sonno-veglia e contrasta gli episodi di insonnia. Il biancospino migliora la condizione cardiaca e rilassa il cuore riequilibrandone il ritmo cardiaco. Gli antiossidanti, invece, agiscono sulle arterie favorendone la dilatazione e quindi l’abbassamento di pressione.

    Tisana al biancospino: ricetta fai da te

    Il biancospino può essere assunto sotto forma di tisana o infuso; questa è una delle applicazioni più facili e comuni ed è possibile prepararla in casa. La ricetta è molto semplice: bastano un cucchiaio di foglie essiccate immerse in acqua portata a ebollizione. Si lascia riposare per almeno quindici minuti, si filtra e si beve caldo. Al contrario, corteccia e frutti essiccati, invece, possono dare origine a un decotto.

    Tisana al biancospino: controindicazioni

    Gli effetti collaterali di questa bevanda sono estremamente rari. Tolte le possibili allergie o intolleranze, non causa, di norma, problemi. Nelle persone che soffrono di gastrite, però, il biancospino potrebbe aumentare il disturbo e dare problemi allo stomaco, mentre nei casi di pressione bassa, quando si assumono farmaci specifici, sarebbe meglio evitarne il consumo. In ogni caso, quando si decide di utilizzare questa pianta officinale allo scopo di attenuare la pressione sanguigna alta, sarebbe buona norma contattare uno specialista.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.