Erbe medicinali: le 10 più utili per l’inverno

    Erbe medicinali: le 10 più utili per l’inverno

    Quando arriva l’inverno si ripresentano puntualissimi certi piccoli grandi malanni di stagione che è possibile combattere ricorrendo a determinati – e virtuosi – rimedi naturali. Prima di vedere nel dettaglio le dieci erbe medicinali da impiegare quando il freddo arriva e le difese immunitarie si abbassano, facciamo mente locale su una serie di consigli utili per non farsi trovare impreparati quando raffreddore, tosse e mal di gola busseranno alla nostra porta. 

    L’ideale sarà innanzitutto fare una buona scorta – e quando possibile acquistare prodotti freschi – di barbabietole, carote e fagioli ma anche zucche: sono infatti ortaggi ‘colorati’ che si offrono quali riserve di energia assolute. Sono molto ricchi di sostanze nutrienti essenziali, così come lo sono anche – da tenere presente soprattutto per una corretta colazione – i cereali, con il loro apprezzato potere rinvigorente e riscaldante. Senza dimenticare poi l’utilità anche di certi oli essenziali – quelli di eucalipto e tea tree in primis – il cui aroma è bene diffondere negli ambienti di casa per migliorare la qualità dell’aria. A questo punto, facciamo una panoramica delle dieci migliori erbe invernali e come utilizzarle

    Ribes nero

    Il ribes nero è tra le erbe invernali più utili in assoluto per contrastare il noioso mal di gola ma anche asma e allergie. Si tratta infatti di una pianta dalle proprietà antinfiammatorie e antistaminiche che va bene anche per i più piccoli. Il gemmo derivato dal ribes nero (o ribes nigrum) si prende in gocce, meglio quando si è digiuni la mattina.

    Salvia

    Fare un decotto oppure un infuso utilizzando la salvia può rivelarsi molto utile nei mesi freddi, quando fanno la loro comparsa la bronchite e quella sensazione tipica di spossatezza. Lo si può usare per fare dei gargarismi che ‘schiariscono’ la voce e curano la gola, inoltre la salvia è utile anche in caso di ciclo mestruale irregolare (si utilizza la tintura madre). 

    Camomilla

    Tra le erbe medicinali adatte all’inverno compare anche la camomilla, perfetta come digestivo per via delle sue proprietà antiacido (ok in caso di gastrite, ulcere e colite). I suffumigi di camomilla possono infine essere un toccasana per contrastare il raffreddore. 

    Sambuco

    Quando arriva la febbre rivolgetevi a un buon infuso di sambuco, che abbasserà la temperatura. La pianta dai caratteristici fiorellini bianchi è ricca di vitamine A, B e C inoltre stimola la sudorazione. Si può anche usare in caso di sinusite o rinite. 

    Echinacea

    Siamo di fronte a una pianta che è conosciuta per le sue proprietà curative e molto utile nel periodo invernale: consente di incrementare le difese immunitarie, inoltre è in grado di contrastare la candida. Radici e foglie si utilizzano per fare degli ottimi decotti. 

    Astragalo

    L’astragalo è da sempre conosciuto e utilizzato come rinvigorente oltre che come tonico. Le sue proprietà sono più che altro immunostimolanti, può essere utilizzato in combinazione con l’echinacea per un effetto preventivo della comparsa dei disturbi stagionali. Lo si trova sia in gocce che in compresse nelle migliori erboristerie.

    Rosa canina

    In caso di raffreddore e influenza – veri e propri incubi dell’inverno – si ricorre in genere anche alla rosa canina, che contiene grandi quantità di vitamina C. E’ nota per le sue proprietà rilassanti e può essere assunta anche dai bambini. 

    Menta 

    La menta è una pianta che non ha bisogno di presentazioni, bella e fresca è perfetta per scacciare i sintomi di tosse e raffreddore ma anche per curare la raucedine. In caso poi di problemi nella digestione, la si potrà impiegare viste le sue proprietà antiemetiche. 

    Cardo mariano

    Arrivano i mesi freddi dell’inverno e si pensa subito alle festività natalizie, con le caratteristiche abbuffate a pranzo e a cena. Come contrastare i problemi digestivi che spesso si presentano? Si può ricorrere al cardo mariano, per vie delle sue capacità protettive del fegato (ne viene ristabilita la funzionalità). Questa erba si offre inoltre di favorire i processi digestivi e si assume come decotto oppure in gocce. 

    Melissa

    La melissa viene impiegata da sempre come rilassante muscolare e nel periodo medievale era indicata come tonico per migliorare l’umore. Si usa in infusione per poter contrastare i sintomi tipici dell’insonnia e il mal di testa. Inoltre, è perfettamente in grado di agevolare anch’essa i processi digestivi.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

    Ultimo aggiornamento: 09/10/2020