Dragoncello: proprietà, benefici e controindicazioni

    Dragoncello: proprietà, benefici e controindicazioni

    Dragoncello: proprietà, benefici e controindicazioni

    Il dragoncello è una pianta aromatica utilizzata soprattutto in cucina e come rimedio naturale contro molti disturbi. Conosciuto anche con il nome di Estragone, mostra foglie sottili e allungate con fiori piccoli e di colore giallo-verde. Questa pianta, in origine, proveniva dalle zone rurali della Russia del sud, nella zona del Caucaso. In Europa si è diffuso durante il periodo delle Crociate, mentre in Italia viene coltivato ed esistono diverse varietà, ovvero francese, russa e spagnola. Questa pianta possiede diverse proprietà che possiamo sfruttare a nostro beneficio. Ecco quali sono le sue caratteristiche.

    Dragoncello benefici proprieta e controindicazioni

    Le proprietà del dragoncello

    Questa pianta, come abbiamo sottolineato, possiede diversi benefici che possono essere sfruttati a nostro vantaggio anche in inverno. Tra questi si annoverano le proprietà antisettiche e antinfiammatorie, soprattutto nei confronti del cavo orale e della gola. Il dragoncello può essere utile anche per lo stomaco e l’apparato digerente in generale grazie alle sue proprietà digestive. Contiene diversi micronutrienti e sali minerali, oltre a un alto quantitativo di vitamina A e vitamina C. Generalmente, le diverse proprietà di questa pianta vengono sfruttate attraverso gli infusi e i decotti.

    I benefici del dragoncello

    Grazie alle sue numerose proprietà è possibile trarre molti benefici dal consumo di questo alimento. In primo luogo, grazie all’alto contenuto di vitamine può essere fruttato come infuso o tisana o, ancora, suffumigi, contro la congestione nasale, la tosse, il mal di gola e l’influenza. Le sue proprietà digestive aiutano a combattere il reflusso gastroesofageo e stimolano il fegato nello smaltimento dei grassi e delle proteine. Nello specifico, gli infusi digestivi possono essere utilizzato per stimolare l’appetito. Il contenuto di fibre, inoltre, aiuta il transito intestinale e combatte la stitichezza. Infine, le foglie di questa pianta possono tornare utili come rimedio sostitutivo del sale per coloro che soffrono di ipertensione arteriosa.

    Controindicazioni

    Come molte altre piante e alimenti utilizzati come rimedi naturali, anche il dragoncello possiede alcune controindicazioni alle quale è bene porre attenzione. In primo luogo non deve essere consumato nel caso in cui si faccia uso di farmaci coagulanti, può anche essere utilizzato contro la bulimia e l’anoressia in quanto stimola il corretto appetito, ma l’assunzione deve tassativamente avvenire sotto controllo medico. Per chi soffre di allergie specifiche alle piante asteracee è meglio non assumerlo e deve essere evitato dalle donne in gravidanza. Evitare, inoltre, di usare l’olio essenziale puro in quanto può dare luogo a irritazioni.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.