Pressione bassa: quali alimenti mangiare, quali evitare

    Pressione bassa: quali alimenti mangiare, quali evitare

    Pressione bassa, quali alimenti mangiare e quali evitare? In Italia sono tantissimi i soggetti che soffrono di ipotensione – secondo dati statistici 6 persone su 10 – e perciò bisogna avere un occhio di riguardo per quanto concerne l’alimentazione. Quali sono i cibi che possono essere presenti nelle abitudini di chi soffre di ipotensione? Quali, invece, le pietanze che devono essere bandite assolutamente? Ecco alcuni consigli utili.

    Pressione bassa: quali sono le cause e i sintomi?

    Pressione bassa, quali sono le cause, i sintomi e come si manifesta la cosiddetta ipotensione? La pressione arteriosa cambia da persona a persona, sono ritenuti normali i valori di pressione tra 120/70 e 140/90 mmHg. È troppo bassa (ipotensione) quando la pressione arteriosa massima è minore di 90 mmHg.  La comparsa di sintomi da ipotensione dipende fortemente dalla rapidità con cui la pressione si riduce. Una brusca caduta della pressione (ad esempio 20-30 mmHg) causa sintomi quali vertigini o capogiri, visione offuscata, nausea, sudorazione fredda, pallore fino allo svenimento.
    Quali sono le cause? La pressione bassa può essere causata da una forte fonte di stress (in caso di forti emozioni, preoccupazioni) oppure dall’esercizio fisico. Bisogna prendere in esame anche la temperatura esterna (il caldo abbassa la pressione, spesso anche in modo molto significativo) o la tipologia di pasti. Ed è proprio quest’ultimo aspetto che adesso andremo ad approfondire.

    >>> Pressione bassa: cosa mangiare subito per alzarla 

    Pressione bassa: quali alimenti mangiare

    Pressione bassa, quali sono gli alimenti da mangiare per i soggetti che soffrono di ipotensione? Anzitutto è consigliata un’ottima idratazione: bisogna bere molta acqua,  tenere alta la quantità di sali minerali nella dieta e stare al fresco per un effetto di vasocostrizione.

    Ancora, la pressione bassa può essere data da un calo glicemico, cioè ad un abbassamento degli zuccheri nel sangue. Quindi è sempre importante avere con sé una bustina di zucchero di canna. Si tratta di una sostanza migliore di quello bianco poiché contiene ancora parte dei sali minerali dell’estratto della pianta mentre lo zucchero bianco ha solo sapore dolce e non contiene altri elementi utili. E ancora, tra gli alimenti da assumere in caso di pressione bassa è consigliabile il miele per una maggior ricchezza di sostanze e principi attivi. Sono consigliati anche frutti zuccherini come datteri e uvetta secca. Altri alimenti che aiutano con i loro principi attivi sono il caffè, il thè e il cacao che favoriscono il rialzo della pressione. Tra le piante si segnala il rosmarino, ottimo agente anti-pressione bassa: si tratta di una pianta ottima sia come aroma per insaporire i piatti che come uso preventivo-curativo per l’ipotensione.

    >>> Pressione alta: cosa mangiare e cosa evitare <<<

    Pressione bassa: quali alimenti evitare

    Chi soffre di pressione bassa deve stare attento all’alimentazione. E difatti è importante evitare determinati cibi. A partire dagli alcolici: birra, vino, cocktail comportano una maggiore disidratazione favorendo l’ipotensione. Sarebbe buona norma, per i soggetti che soffrono di pressione bassa, evitare pasti troppo abbondanti che richiedono un apporto di sangue consistente nell’apparato digerente sottraendolo al resto del corpo. Bisogna evitare, il più possibile, alimenti troppo grassi e calorici che richiedono molto lavoro da parte dell’apparato digerente. Infine, non ci si può permettere i cosiddetti peccati di gola cedendo a tentazioni quli dolci ad alto contenuto di grassi come merendine confezionate, croissant o prodotti di pasticceria.