Anice stellato: principi e benefici

    Anice stellato: principi e benefici

    anice stellato

    Non in molti lo sanno però le spezie anticamente non venivano usate tanto per il loro apporto di gusto nei piatti, ma per i loro principi e la capacità che aveva di conservare alimenti che potevano deperire molto rapidamente. Le spezie dal sempre hanno ricoperto questo ruolo nella storia dell’alimentazione umana e da questo derivava il loro costo molto alto. Anche l’anice stellato rientra all’interno di questo insieme, prima però di analizzarne i benefici come si ricava questa spezia?

    Anice stellato, la pianta

    Questa spezia viene ricavata da un albero tropicale sempreverde che può raggiungere i 10 metri in altezza, solitamente lo possiamo trovare nell’Asia orientale. Come spezia viene usato il frutto che è un follicolo legnoso composto da lobi (da 8 a 12) disposti a stella (da cui il nome). Oltre all’utilizzo come spezia questo frutto viene usato ad esempio nella distillazione di alcolici come la sambuca. Viene anche utilizzato per l’estrazione di un acido che è la base della produzione di alcuni antivirali.

    I benefici dell’anice stellato

    Sono stati pubblicati molti studi in cui si dimostra che l’anice stellato ha importanti proprietà antimicrobiche e antifungine. Questo è dovuto alla presenza di un composto l’anetolo che è l’acido di cui parlavo prima che viene utilizzato nella realizzazione dei farmaci antivirali. Per godere di questi benefici la cosa migliore da fare è realizzare un infuso. Puoi utilizzarlo nel caso di raffreddori oppure di lievi patologie dell’apparato respiratorio per aiutare i farmaci a combattere la patologia. L’anice stellato ti aiuterà a combattere queste patologie anche grazie alle sue proprietà espettoranti.

    Oltre alle proprietà antibatteriche sono state dimostrate anche proprietà diuretiche: per aumentarne l’effetto consigliamo di bere l’infuso insieme a una tisana al finocchio.

    Questo consiglio è valido solamente per le mamme che in questo momento stanno allattando: l’anice stellato infatti aumenta i migliora la produzione di latte. Anche in questo caso i risultati sono avvalorati da uno studio.

    Consigli di utilizzo

    Il gusto dell’anice stellato a causa della presenza dell’anetolo ha un sapore che richiama quello della liquirizia, soprattutto tieni presente che è molto deciso, quindi ne basta veramente poco per farne risultare il sapore nelle ricette. Dovendone usare poco in una ricetta è quindi difficile riuscire a prendere da un piatto la quantità necessaria di sostanze benefiche. Il nostro consiglio è quindi di realizzare degli infusi che puoi integrare insieme ad altre bevande o tisane. Realizzane un bel po’, tienilo in frigorifero e semplicemente quando vuoi bere una tisana o un frullato aggiungine un po’. Per realizzare l’infuso ti consigliamo di usare un pezzo di anice stellato ogni 200ml di acqua circa (dipende chiaramente anche dai gusti) e di lasciar bollire il tutto almeno 10 minuti.

    Speriamo che l’articolo vi sia piaciuto ti abbiamo parlato un po’ dell’anice stellato e delle sue proprietà. Detto questo prova a usarlo in qualche ricetta o prova a realizzare l’infuso, siamo sicuri che una volta che l’avrai provato non riuscirai più a farne a meno! Tagga anche la nostra pagina Facebook così potremo vedere le tue meravigliose creazioni!