Broccoli: proprietà, valori nutrizionali e benefici

3 Febbraio 2018 0 Di Redazione

Il broccolo è un ortaggio coltivato per lo più in Europa, facente parte della famiglia delle Crocifere. Rappresenta un alimento molto amato, leggero e salutare e si presta a svariati usi in cucina. I broccoli fanno bene anche a chi ha problemi di peso, in quanto contengono poche calorie. In più hanno un alto potere saziante,  ecco perché molto spesso vengono inclusi nelle diete ipocaloriche.

Calorie e valori nutrizionali

Sono solo 27 le calorie contenute, come accennato, in 100 grammi di prodotto. Vediamo allora quali sono i valori nutrizionali dei broccoli, prima di fare una panoramica relativa alle molte proprietà benefiche.

Ricco di sali minerali, questo ortaggio contiene calcio, ferro, fosforo, e potassio, ma anche vitamina C (ciò lo rende un alimento efficace nel prevenire malattie quali l’osteoporosi e le disfunzioni cardiache). Sono presenti inoltre vitamina B1 e B2, fibra alimentare – è perfetto dunque per chi soffre di stipsi – e sulforafano. Questa sostanza previene la crescita di cellule cancerogene, agendo da rimedio naturale contro i tumori all’intestino, al seno e ai polmoni.

Non solo: i broccoli sono consigliatissimi per chi soffre di ritenzione idrica, in quanto aiutano ad eliminare i liquidi in eccesso, a disintossicarsi dalle scorie. Ma non è finita qui: i broccoli hanno anche altre proprietà curative tra cui quella di ridurre il rischio di cataratta e proteggere dall’ictus. Questo ortaggio, inoltre, è in grado di attenuare le infiammazioni delle vie aeree superiori (faringe, laringe, trachea e bronchi).broccoli proprietà benefiche

Proprietà benefiche dei broccoli

Molte delle virtù benefiche dei broccoli sono da attribuire al sulforafano, che insieme agli isotiocianati svolge un’importante azione protettiva soprattutto contro i tumori intestinali, polmonari e del seno. Quando si parla di broccoli proprietà benefiche sono molte: mangiare i broccoli fa bene all’organismo anche perché questo ortaggio ha un potere antianemico, emolliente, diuretico, cicatrizzante, depurativo e vermifugo. I nutrizionisti ne consigliano il consumo anche perché hanno un notevole potere antiossidante, che aiuta a rafforzare le difese immunitarie e a combattere un batterio molto resistente – l’Helicobacter pylori – che danneggia la mucosa gastrica provocando gastriti ed ulcere. Fonte di energia, sebbene ipocalorici i broccoli sono consigliati quando si è molto affaticati e in casi di carenze vitaminiche ma anche di stress e irritabilità.

I broccoli sono un toccasana per i polmoni: a confermarlo l’esito di una ricerca condotta dalla Johns Hopkins Medical School e pubblicata sulla rivista American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Ha evidenziato come i broccoli sarebbero un eccellente rimedio contro le affezioni polmonari, i problemi di asma e respiratori in genere.broccoli contro l'inquinamento

Varietà dei broccoli, quelle famose e quelle meno conosciute

E’ possibile trovare molte varietà di broccoli, anche se sarà corretto affermare come le più conosciute e apprezzate siano sostanzialmente due. Stiamo parlando del broccolo romanesco e di quello calabrese, che si mangiano cotti al vapore oppure lessi. La varietà romana è decisamente scenografica, poiché è provvista di punte il cui colore va dal verde chiaro al bianco. E’ il contorno perfetto sia per i piatti di pesce – soprattutto fritto -che per quelli a base di carne. Le sue infiorescenze hanno una forma particolare: ricordano quella di una piramide, il che rende chiaramente riconoscibile l’ortaggio a prima vista.

La varietà calabrese, invece, ha una sommità a forma di cupola che si presenta più compatta. Il suo colore è un bel verde lucido e intenso: si impiega nella maggior parte delle ricette per le quali sono necessari i broccoli. E, in particolare, nei primi piatti che prevedono un abbinamento gourmet con la salsiccia. Ovviamente le varietà di broccolo non solo soltanto queste due, seppur più note. Ci sono infatti per esempio il Bronzino di Albenga o il Blu di Sicilia così come il Mugnulo leccese e altri ancora.

Come scegliere e pulire un broccolo

Quando arriva il momento di fare la spesa e di andare in cerca di broccoli, il primo elemento da valutare è il loro colore. Diffidate da un broccolo che presenta alcuni punti giallognoli: non è troppo fresco. Il colore dell’ortaggio fresco è infatti un bel verde scuro, lucido e soprattutto uniforme. Altro elemento da valutare è poi la consistenza del broccolo, che non dovrà affatto sgretolarsi al minimo nostro tocco e anzi risultare ben sodo.

Scelti i broccoli, una volta a casa sarà il momento di pulirli. E’ un’operazione piuttosto semplice, che però richiederà alcuni strumenti ad hoc. Quali? Si tratta del pelapatate, di un coltello affilato e di un paio di forbici da cucina. Fate scorrere abbondante acqua fredda sul broccolo, poi poggiatelo sul tagliere e iniziate a tagliare con le forbici le cime mantenendo i gambi. La parte inferiore non va buttata: la si potrà impiegare – assieme alle foglie – per fare un risotto ma si potrà anche fare lessa con olio EVO, sale e pepe. Prendete infine il pelapatate ed eliminate la membrana esterna dei gambi, dividendoli a metà per il lato lungo.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

Ultimo aggiornamento: 29/03/2021

Facebook Comments Box