Dieta Paleo cos’è, cosa mangiare, come funziona?

    Dieta Paleo cos’è, cosa mangiare, come funziona?

    Cos’è la Dieta Paleo?

    La Dieta Paleolitica – definita anche come Dieta Paleo o Paleodieta – è un regime alimentare attuale, ovviamente tanto discusso dalla maggior parte della gente. La dieta Paleo è stata ideata da Loren Cordain, nutrizionista dell’Università del Colorado appassionato di alimentazione dell’era paleolitica.

    >>> TUTTE LE NEWS DI VIVIPURO <<<

    Dieta Paleo cosa mangiare?

    La Dieta paleo consente di mangiare solo i cibi che esistevano nell’era paleolitica, dunque: carne (soprattutto magra), pesce, crostacei e molluschi, verdura, semi, radici, bacche, frutta e miele. Molto raramente si possono bere alcoolici e consumare condimenti come l’olio. Concessi anche tè e caffè. Da evitare invece sono tutti i tipi di cereali, i legumi, latte e latticini, sale, zucchero, olio, burro, tutti i cibi lavorati e la birra.

    diabete e carne rossa correlazione

    Dieta Paleo: quali sono i vantaggi?

    La Dieta Paleo incoraggia a mangiare cibi meno elaborati e più frutta e verdura, riudendo al minimo il consumo di cibi ad alto contenuto calorico riducendo l’apporto di calorie e aiutando a perdere peso. La maggior parte delle versioni della dieta incoraggiano grandi quantità di carne, ciò è in contrasto con le attuali evidenze che ne sconsigliano il consumo.

    Dieta Paleo controindicazioni: a cosa prestare attenzione?

    Le controindicazioni della dieta Paleo sono sostanzialmente quelle delle altre diete iperproteiche che eliminano quasi del tutto nutrienti importanti come i carboidrati e quindi non sono abbastanza equilibrate. Effetti dannosi a lungo andare si riscontrano su reni e fegato costretti a smaltire troppe sostanze derivanti dal metabolismo delle proteine animali, in particolare l’acido urico, quindi da evitare assolutamente se già si soffre di disturbi ai reni e al fegato. Possono comparire inoltre mal di testa, disturbi dell’umore oltre che un aumento del colesterolo e trigliceridi.