Tisana al Lapacho: proprietà, benefici e controindicazioni

    Tisana al Lapacho: proprietà, benefici e controindicazioni

    Tisana al Lapacho: proprietà, benefici e controindicazioni

    La tisana a base di Lapacho deriva dalla corteccia della Tabebuia Impetiginosa, un albero proveniente dalla foresta amazzonica. Si tratta di una pianta conosciuta da tempo per via delle sue numerose proprietà benefiche per il corpo, molto utili soprattutto contro le malattie invernali come mal di gola, tosse, raffreddore, febbre e congestione nasale. La pianta è presente anche in Perù, in Bolivia, in Brasile, in Argentina e Paraguay e viene utilizzata da secoli dalla popolazione indigena sudamericana. Ecco quali sono le sue proprietà, i benefici per il nostro organismo e le controindicazioni alle quali fare attenzione.

    Tisana al Lapacho benefici proprieta controindicazioni

    Le proprietà del Lapacho

    Questa tisana possiede numerose proprietà che possiamo sfruttare per il benessere del nostro organismo. In primo luogo possiede, infatti, proprietà antinfiammatorie e antibiotiche naturali ed è ricca di sali minerali tra i quali si annoverano il ferro, il magnesio, il calcio, cromo, zinco, silicio, rame, potassio, manganese e sodio. Contiene, inoltre, molti oligoelementi come il lapacholo, la xilodina, sostanze che donano le proprietà antibiotiche. Tra le altre proprietà troviamo quelle antifungine, antivirali, diuretiche e depurative.

    I benefici del Lapacho

    Per via delle sue proprietà e dei numerosi sali minerali e oligoelementi contenuti, la tisana può essere utilizzata per combattere le malattie da raffreddamento e le infiammazioni del cavo orale. Inoltre, può essere consumata al fine di depurare l’organismo e organi come il fegato e i reni dalle sostanze di scarto. Può essere utilizzato per curare piccole lesioni cutanee, infiammazioni del tratto urinario come la cistite o la candida, le punture di insetti e nel trattamento della psoriasi. Stimola le difese immunitarie e la produzione dei globuli rossi grazie al suo effetto antiossidante. Può essere adoperato anche come tonico o per sfruttare il suo effetto astringente, analgesico e ipotensivo. Possiede, inoltre, capacità ipoglicemizzanti ed è quindi consigliato per le persone che soffrono di diabete.

    Controindicazioni

    Il Lapacho può essere trovato in commercio sotto forma di tisana o infuso. In cosmesi si può usare per la cura della pelle e come applicazione lenitiva sulle zone doloranti. Esistono, però, alcune controindicazioni sulle quali è bene porre l’attenzione. Prima di tutto, se ne sconsiglia il consumo per le donne in gravidanza o in fase di allattamento ed è, inoltre, sconsigliato per tutte quelle persone che fanno uso di farmaci come l’aspirina o i medicinali con funzione anticoagulante. In ogni caso, per togliersi ogni dubbio, si consiglia di consultare un medico o uno specialista.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.