Altea: proprietà, benefici e controindicazioni

    Altea: proprietà, benefici e controindicazioni

    Altea: proprietà, benefici e controindicazioni

    L’altea è una pianta officinale, tra le più diffuse in Italia e conosciuta fin dai tempi antichi. Il suo nome dal greco significa curare e non a caso, dato che possiede tantissime proprietà benefiche che possiamo sfruttare per combattere diversi disturbi, soprattutto quelli che ci affliggono durante la stagione invernale. La pianta appartiene alla famiglia delle Malvacee e viene adoperata anche come fiore ornamentale per via dei suoi vivaci colori che possono andare dal rosa al giallo. Sboccia durante i mesi più caldi, ma predilige i climi umidi e temperati. Ecco tutte le sue caratteristiche, i benefici e le possibili controindicazioni ed effetti collaterali.

    Altea benefici proprieta e controindicazioni

    Le proprietà dell’Altea

    Questa pianta è ricca di numerose sostanze utili per il nostro organismo: galattosio, alteina, pectina, glucosano e mucillagini. Tutti questi elementi donano alla pianta diverse proprietà, tra le quali si annoverano quelle emollienti, lassative, espettoranti, rinfrescanti e calmanti. Inoltre, le mucillagini possono svolgere un’azione protettiva nei confronti della mucosa gastrica e svolge anche un’azione lenitiva in caso di dolori in diverse zone del corpo.

    I benefici dell’Altea

    Grazie alle sue numerose proprietà, questa pianta può essere utilizzata per combattere e prevenire le principali malattie da raffreddamento come tosse, mal di gola, febbre, influenza e congestione nasale. Le mucillagini, invece, donano anche un effetto emolliente e lassativo nei confronti dell’intestino e aiutano a combattere gli episodi di stitichezza e gonfiore addominale. È utilizzata anche come rimedio naturale per la mucosa intestinale, in particolare contro la sindrome del colon irritabile, contro le infezioni dovute a virus e svolge un ruolo preventivo nella formazione dell’ulcera gastrica. È un ottimo rimedio naturale anche per le mucose orali in quanto aiuta a contrastare gli episodi di asma, bronchite e le diverse infiammazioni che possono colpire le vie respiratorie. Svolge, infine, un’azione depurativa nei confronti delle vie urinarie e per organi come fegato e reni, aiutandoli a eliminare le sostanze nocive in eccesso.

    Controindicazioni dell’Altea

    L’altea, così come molte altre erbe officinali, possiede alcune controindicazioni ed effetti collaterali. Il suo consumo è infatti sconsigliato per coloro che fanno uso di insulina o farmaci ipoglicemizzanti a causa della sua azione ipoglicemica. Non bisogna consumarne in eccesso in quanto la pianta ha effetti lassativi e carminativi sull’intestino e una dose eccessiva, invece, di contrastare problemi come il colon irritabile, può dare luogo a infiammazioni e possibili effetti collaterali. In ogni caso, prima di procedere al suo utilizzo e in caso di disturbi già conclamati, si consiglia di consultare un medico.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.