Celiachia e dieta senza glutine: basta o serve altro?

    Celiachia e dieta senza glutine: basta o serve altro?

    Celiachia e dieta senza glutine: basta o serve altro?

    La dieta senza glutine è un tema che negli ultimi anni ha interessato sempre più persone. I celiaci in Italia sono migliaia e in altrettanti si chiedono se una dieta priva del glutine sia sufficiente per tenerla a bada e non rischiare i consueti effetti collaterali anche gravi. Bisogna sapere, prima di tutto, che una dieta totalmente priva di questo elemento non è così semplice da realizzare. I cereali che le persone affette da celiachia non possono assumere, molte volte si ritrovano in altri alimenti. Inoltre, il rischio di contaminare i cibi senza glutine durante le lavorazioni industriali e sempre molto alto. Celiachia e dieta senza glutine cosa mangiare

    Celiachia: cosa mangiare?

    Esistono moltissimi alimenti che si possono consumare in alternativa ai cereali. Tra questi troviamo i seguenti: chicchi di riso, mais in chicchi cotto a vapore, miglio in semi, tuberi come la patata, quinoa in semi, amaranto in chicchi, grano saraceno in chicchi, avena, tutti i tipi di carne e di pesce, molluschi, crostacei che escludano la presenza di solfiti, acido ascorbico e citrico, lardo di colonnata, prosciutto crudo, uova, tutti i tipi di verdura, funghi, tutti i tipi di legumi, tutti i tipi di frutta fresca o secca o disidrata.

    Celiachia: cosa non mangiare

    Di contro, come sappiamo, gli alimenti che non andrebbero mai consumati se si soffre di questa condizione sono quelli che contengono glutine e dunque: orzo, frumento, cereali, avena non presente fra i prodotti presenti nel registro nazionale del ministero della salute, grano khorasan, spelta, triticale, primi piatti a base di pasta preparata con i cereali indicati, farro, germe di grano, farine e derivati etnici, crusca dei cereali vietati, polenta taragna, prodotti per la prima colazione contenenti i cibi vietati, farine, amidi, semoli, semolini, creme e fiocchi di cereali vietati, malto derivante dai cereali vietati.

    Dieta senza glutine: basta contro la celiachia?

    Quelli sopra elencati, ovviamente, non sono tutti i cibi presenti nel regime alimentare medio di una persona, ma anche prodotti come il caffè possono essere consumati da chi soffre di celiachia. In ogni caso, osservando le liste dei cibi approvati per i celiaci, è possibile comprendere come una dieta ferrea che contempla l’eliminazione totale dei cibi che contengono glutine sia sufficiente a tenere sotto controllo la sintomatologia di questa condizione. La dieta senza glutine, infatti, consiste proprio in questo: eliminare il glutine dal nostro regime alimentare, essendo questo l’unico vero responsabile della condizione.