Couperose: combatterla con malva e tiglio

    Couperose: combatterla con malva e tiglio

    Combattere la couperose con malva e tiglio. È possibile? Risposta affermativa. Ogni anno a febbraio l’inverno “presenta il conto” alle pelli sensibili. La causa è da individuare nella stagione fredda con i suoi sbalzi di temperatura che sfiancano i capillari delicati e poco elastici, soprattutto, ma non solo, sul viso: ecco perché la pelle risulta spesso indebolita, irritabile e arrossata. I sintomi possono manifestarsi in diverse zone del corpo: guance, naso, palpebre, mento, mani, gambe, collo e seno. Cosa fare? La couperose si può curare: si può con una cura naturale ricostituente per aumentare le sostanze indispensabili alla buona salute della pelle, sfruttando due piante ad azione antinfiammatoria. Tra queste? Il tiglio e la malva.

    Leggi anche: Tutte le news sui rimedi naturali con ViviPuro

    Proprietà della malva

    I fiori e in particolare le foglie della malva sono ricche di mucillagini, che conferiscono alla pianta proprietà emollienti e antinfiammatorie per tutti i tessuti molli del corpo. Questi principi attivi agiscono rivestendo le mucose con uno strato vischioso che le proteggono da agenti irritanti. Per questo motivo, l’uso della malva è indicato contro la tosse, nelle forme catarrali delle prime vie aeree; per idratare, sfiammare il colon e depurare l’intestino, e per regolarne le funzioni, grazie alla sua dolce azione lassativa, dovuta alla capacità delle mucillaggini di formare una sorta di gel, che agisce meccanicamente sulle feci e quindi agevolandone l’eliminazione. La malva è un rimedio che non presenta nessun tipo di controindicazione, purchè non se ne abusi o non si sia a conoscenza di intolleranze verso i principi costituenti la pianta quali la malvina e la malvidina.Tisana depurativa al tiglio, proprieta benefici e ricetta

    Proprietà del tiglio

    Nelle foglie e nei fiori di tiglio sono presenti flavonoidi, cumarine, oli essenziali, mucillaggini, tannini e zuccheri e sono utilizzate in fitoterapia per combattere l’insonnia, tachicardia, nervosismo e mal di testa, dovuto a stati d’ansia e di stress, perché svolgono azione rilassante sul sistema circolatorio, provocandone un abbassamento della pressione, ben tollerata in gravidanza, in fase di allattamento e dai bambini. Il tiglio, per le sue proprietà rilassanti e ansiolitiche, è utilizzato come integratore naturale per l’insonnia. Il tiglio è la pianta più indicata anche in caso di disturbi alle vie aeree dei bambini e degli adulti, perché le mucillagini contenute soprattutto nei fiori, conferiscono proprietà mucolitica e antinfiammatoria efficace in caso di tosse e catarro.