Influenza intestinale 2016 bambini: sintomi, durata e cosa mangiare per sentirsi meglio

    Influenza intestinale 2016 bambini: sintomi, durata e cosa mangiare per sentirsi meglio

    Influenza intestinale 2016: sta per arrivare il picco dei contagiati in Italia

    L’influenza 2016 già da qualche settimana imperversa tra grandi e piccini: il picco è vicino, previsto con la fine di dicembre e l’inizio di gennaio 2017, e al momento secondo le stime sono circa mezzo milione i contagiati in Italia che potrebbero trascorrere le feste di Natale 2016 a letto. Tra le categorie più a rischio e più fortemente colpite ci sono ovviamente anche i bambini. Tra loro infatti si fa strada non solo la classica influenza invernale con febbre, dolori muscolari e articolari ma anche la cosiddetta influenza intestinale 2016 che li colpisce con vomito e diarrea ma soprattutto li indebolisce notevolmente, impedendo di mangiare e bere con regolarità. Ad ogni modo malgrado sia comunemente così chiamata, non si tratta di influenza: sono infatti solitamente gastroenteriti virali sostenute da Rotavirus. Ecco quindi da ViviPuro – Mamma tutto quello che c’è da sapere sull’influenza intestinale 2016 nei bambini: sintomi, durata ma anche qualche rimedio e cosa far mangiare loro per farli stare meglio.

    Influenza intestinale 2016 bambini, sintomi e durata: ecco come riconoscerla

    Per i bambini durante il periodo invernale è molto facile incappare non nella semplice influenza ma nel virus gastrointestinale che colpisce la pancia, per dirlo in modo semplice. I sintomi più facilmente riconoscibili sono infatti un primo malessere generale con mal di pancia e stomaco nonché nausea e successivamente la loro manifestazione con vomito e/o diarrea.  Ad essi molto spesso si uniscono “mal di testa, inappetenza, stanchezza, sudorazioni, dolori muscolari e febbre anche alta” come spiega Sergio Harari, Direttore dipartimento Scienze Mediche, Ospedale S. Giuseppe Milano su Corriere.it. Ad ogni modo, malgrado il grande fastidio che provocano e il forte malessere che comportano, questo tipo di virus hanno una durata di 2-3 giorni circa senza lasciare ulteriori fastidi se non la necessità di rimettersi in forze.

    Influenza intestinale 2016 bambini: rimedi e cosa mangiare per sentirsi meglio

    Vista la forza con cui si manifestano i sintomi della cosiddetta influenza intestinale 2016, soprattutto nei bambini il pericolo più grande al di là del virus è il rischio di disidratazione. Le forti scariche di diarrea e di vomito, la costante inappetenza e il senso di nausea rischiano di indurre il bambino a non mangiare e soprattutto bere a sufficienza. Per questo motivo è fondamentale chiedere spesso ai più piccoli di bere: va benissimo l’acqua, a piccoli sorsi, ma se il senso di nausea è forte si può unire il succo del limone. Solo per i più grandi può essere aggiunta anche una piccolissima dose di zenzero che, con il suo odore, aiuta a eliminare la nausea. Inoltre, per quel che riguarda il cibo, meglio prediligere alimenti estremamente leggeri e secchi. Sì quindi a crackers, taralli e grissini semplici, fette biscottate. A pranzo e cena sono consigliabili pasta e riso condite semplicemente con un filo d’olio e una spolverata di formaggio grattugiato. Per quel che riguarda infine la frutta sì alle banane, ricche di sali minerali, e alle mele, che aiutano a combattere la diarrea.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.