Cannella in cucina: proprietà terapeutiche

    Cannella in cucina: proprietà terapeutiche

    Cannella in cucina: proprietà terapeutiche

    La cannella non è solo un ingrediente con il quale insaporire i nostri piatti in cucina, ma anche un alimento molto importante in grado di donare diversi benefici al nostro organismo grazie alle sue numerose proprietà. Si tratta, infatti, di un ottimo rimedio naturale, versatile e adattabile a molte situazioni e disturbi che ci possono colpire soprattutto durante la stagione invernale. Si ricava, generalmente, in polvere, sotto forma di bastoncini o come olio essenziale dall’albero della cannella ed è una spezia ricca di caratteristiche. Ecco dunque tutte le sue proprietà, i benefici e le controindicazioni alle quali fare attenzione.

    Cannella in cucina proprietà benefici controindicazioni

    Le proprietà terapeutiche della cannella

    Come abbiamo sottolineato, la cannella possiede numerose proprietà che possono essere sfruttate a beneficio del nostro organismo. Che sia in polvere in forma di bastoncini, questa spezia è capace di regolare il livello di zuccheri nel sangue, l’equilibrio della glicemia e quindi rientra fra i rimedi naturali efficaci nella prevenzione del diabete di tipo 2. La polvere di cannella, così come la corteccia, è ricca di di principi attivi capaci di ridurre il colesterolo LDD o cattivo e i trigliceridi. Tra le altre importanti proprietà, secondo diversi studi, la cannella annovera quelle antibatteriche, antivirali, antinfiammatorie e antidolorifiche.

    I benefici della cannella

    Grazie alle sue numerose proprietà, questa spezia può quindi essere adoperata per il benessere dell’intestino, nello specifico contro le infezioni virali che attaccano quest’organo o per la cura del raffreddore e delle altre malattie da raffreddamento che ci colpiscono durante la stagione invernale come tosse, febbre, mal di gola, influenza e congestione nasale. Le proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche possono inoltre essere sfruttate contro i dolori derivanti dalla sindrome premestruale o anche per i dolori dovuti all’artrite. Funge anche da blando integratore naturale per via del contenuto di sali minerali tra i quali si segnalano il manganese, il ferro e il calcio. Le proprietà antibatteriche, infine, possono essere sfruttate contro le infezioni da fungo, come la candida. La tisana a base di cannella favorisce la digestione, combatte il bruciore di stomaco, riduce il gonfiore addominale e aiuta a prevenire la stitichezza.

    Controindicazioni

    Questa spezia non possiede gravi controindicazioni o effetti collaterali. L’importante, però, è consumarla con parsimonia e si consiglia di non superare la dose di tre grammi giornalieri. Un eccessivo dosaggio può comportare sindromi allergiche, irritazioni delle mucose, sfoghi e ulcere. Viene sconsigliato l’utilizzo durante la gravidanza e allattamento e nel caso di problemi legati all’apparato intestinale o al fegato. Può interagire con i farmaci, come i FANS, mentre l’olio essenziale può causare irritazioni o reazioni allergiche che portano all’orticaria. Nel caso si consiglia di consultare un medico prima di procedere al suo utilizzo.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.