Combattere il diabete: ecco lo zucchero senza calorie

30 Giugno 2013 0 Di Redazione

L’incremento del diabete è sempre più costante e trasversale nel mondo. E’ una malattia che richiede una riduzione dell’assunzione di zuccheri nella propria dieta. E’ importante sottolineare le conseguenze, con scompensi ormonali, legate a quelle secrezioni cruciali nella “gestione” dei quantitativi di zuccheri nel corpo (glucagone ed insulina). Vediamo come combattere il diabete ricorrendo ai rimedi naturali.

Arriva dall’Amazzonia la soluzione possibile a questo problema. Con la stevia, pianta originaria di quella zona del pianeta, si potranno dolcificare bevande e cibi in maniera naturale. Soprattutto senza creare danni al nostro organismo.

zucchero senza glutine

Le proprietà più interessanti sono legate alla ridotta quantità di calorie che la stevia contiene rispetto allo zucchero comune. E’ anche 300 volte circa più dolce, cosa che non fa rimpiangere il caratteristico gusto.

Sono state condotte numerose ricerche sulle proprietà della stevia. La sua assunzione è consigliata soprattutto per bevande come té e tisane, ma anche per uso alimentare. Può ridurre le conseguenze legate all’ipertensione, oltre a combattere il diabete. E’ inoltre in grado di curare certi inestetismi cutanei, non causa carie dentali ed è utile contro la disidratazione.

Combattere il diabete con la stevia

La stevia è un additivo alimentare davvero miracoloso, che è riuscito a rendere più dolce la vita di chi agli zuccheri e ai dolci ha dovuto rinunciare. Non va a innalzare il livello glicemico nel sangue e ormai anche big del beverage, come la Coca Cola, hanno imparato a utilizzarla per i loro prodotti. Aiuta a combattere il diabete in modo naturale.

Le foglie di stevia contengono importanti sostanze dal potere dolcificante. Si tratta di rebaudioside A, rebaudioside C, stevioside, dulcoside A.

La stevia, come accennato, arriva direttamente dal Sud America. E’ una pianta di dimensioni piccole (al massimo arriva a 50 centimetri) ed è perenne. Il suo utilizzo al posto del normale zucchero si dove agli indigeni Guaranì. Questi ultimi con la stevia ‘correggevano’ il mate. Il nome scientifico, Stevia Rebaudiana, è invece legato allo scopritore delle sue magiche proprietà edulcoranti: Ovidio Rebaudi.

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

Ultimo aggiornamento: 19/02/2021

Facebook Comments Box