Patate verdi o germogliate si possono mangiare? La risposta è no, ed...

    Patate verdi o germogliate si possono mangiare? La risposta è no, ed ecco perché

    Patate verdi o germogliate meglio non mangiarle perché tossiche

    Abbiamo già visto, in un nostro precedente articolo, che le patate non contengono glutine e quindi possono essere una buona alternativa al pane per chi soffre di celiachia.

    Oggi risponderemo ad un’altra domanda che tutti noi, almeno una volta, ci siamo posti andando a prendere la cesta delle patate nella dispensa: le patate verdi o germogliate si possono mangiare?

    Brutta sorpresa quando già ci pregustiamo delle ottime patatine arrosto o fritte, trovarle tutte con la buccia verde oppure germogliate, e così ci blocchiamo e non sappiamo più se cucinarle.
    Saranno ancora buone? Ci farà male mangiarle? Saranno tossiche per l’organismo e indigeste?

    Vediamo di rispondere a tutte queste domande.

    Patate verdi o germogliate: si possono mangiare?

    Le patate (tubero proveniente dall’America) sono uno degli alimenti più consumati al mondo, ma quando, dopo averle acquistate, le troviamo verdi o germogliate, meglio non mangiarle. Potrebbero essere tossiche.

    Questo almeno è quanto sostiene il BFR, organo di controllo alimentare che fa parte del Ministero del Cibo e dell’Agricoltura tedesco, che ha riesaminato la questione dopo che un’intera famiglia tedesca è stata intossicata per aver mangiato patate germogliate.

    Ma perché la germogliatura fa diventare le patate tossiche?

    Tutto dipende dalla solanina, di cui le patate sono molto ricche, e un indicatore della sua presenza in alte percentuali nel tubero è proprio il colore verde. In fase di germogliatura la solanina aumenta ancora di più.

    Se abbiamo mangiato patate troppo ricche di solanina, oltre il limite tollerato dal nostro organismo, i sintomi che possono manifestarsi sono nausea, vomito, mal di stomaco, diarrea e a volte anche febbre. In casi molto rari, di grave intolleranza alla solanina, si può andare incontro anche anche perdita di coscienza, disturbi al cervello, alla respirazione e al sistema cardiovascolare.

    Le intossicazioni da patate verdi o germogliate sono molto rare, ma poco invece sappiamo su quelle reazioni negative che molti di noi potrebbero aver avuto, senza averle associate ad un disturbo/intossicazione da solanina.

    Da un punto di vista clinico dunque, è difficile realizzare un’indagine statistica sulla vera pericolosità per la salute delle patate verdi e/o germogliate ma l’istituto tedesco ha comunque fissato in 100 milligrammi per chilo di patate fresche il limite massimo di solanina ingeribile, anche se al momento, sulle confezioni vendute nei supermercati, questo valore non è riportato in etichetta.

    Come conservare le patate il più a lungo possibile senza farle germogliare e diventare verdi

    Come conservare le patate per non farle diventare verdi o germogliare

    Nell’attesa di conoscere esattamente in etichetta i livelli di solanina delle patate acquistate, ecco come cercare di conservarle al meglio e il più a lungo possibile senza farle germogliare e diventare verdi (e dunque doverle poi gettare via):

    • Mettere le patate in un luogo fresco, buio e asciutto; ad esempio all’interno di una credenza da cucina va benissimo (questo perché la luce del giorno le fa maturare più in fretta, processo che causa il colore verde e la nascita dei germogli);
    • Esaminare la cesta e gettare via le patate vecchie, morbide, rinsecchite, verdi o germogliate;
    • Eventuali escrescenze o malformazioni sulla superficie del tubero vanno tolte;
    • Assolutamente meglio evitare di mangiare la buccia delle patate in quanto è la parte più ricca di solanina;
    • Se la patata che state mangiando ha uno strano sapore amaro interrompete il pasto e gettatela via;
    • Le patate, prima di essere consumate, vanno sbucciate, lavate bene, cotte in abbondante acqua e tale acqua gettata via;
    • Non mangiare patate cotte oltre le 24 ore, anche se conservate in frigorifero;
    • Evitare di conservare in generale le patate in frigorifero in quanto la temperatura fredda potrebbe generare un rilascio maggiore di solanina nel tubero.

    Patate cancerogene? Ecco 3 video-risposte alle domande più frequenti