Semi di zucca, un rimedio efficace contro l’insonnia

    Semi di zucca, un rimedio efficace contro l’insonnia

    Semi di zucca contro l'insonnia

    Nove milioni di italiani non dormono. A confermarlo sono i dati di uno studio realizzato dall’Eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico. Sembra inoltre che il 45% della popolazione soffra di insonnia acuta o transitoria. Dati per niente rassicuranti, legati a un problema altrettanto preoccupante, se consideriamo che un buon riposo permette di mantenere in salute il corpo, la mente, la memoria, oltre che il sistema cardiovascolare e quello immunitario.

    Se facciamo parte di questa ampia categoria di insonni è utile capire la causa del disturbo, magari chiedendo al proprio medico, ma prima di rendere la mancanza di sonno un vero e proprio problema, è necessario affidarsi ai rimedi naturali, tra i quali i semi di zucca.

    Da tempo ormai è noto quanto siano efficaci gli elementi naturali per contrastare disturbi dell’organismo più o meno potenti, del resto la popolarità di discipline come la naturopatia lo dimostrano.
    Detto questo, i semi di zucca sono uno dei rimedi più efficaci contro l’insonnia, grazie allo zinco e al triptofano, precursori della più celebre melatonina. Non è un segreto che questo ortaggio faccia bene alla salute, del resto sono molte le ricette con la zucca che vengono portate sulla tavola non soltanto per il loro sapore, ma anche per le loro numerose virtù benefiche.

    Semi di zucca: ecco come agiscono contro l’insonnia

    La zucca, si sa, è l’ortaggio protagonista della stagione invernale. Non c’è una regione che non la utilizzi nelle sue ricette salate o dolci.
    Anche i suoi semi hanno proprietà profondamente benefiche in particolare contro l’insonnia.

    Oltre al loro impiego in cucina, magari facendoli essiccare e gustandoli a crudo, è possibile utilizzarli nelle tisane. Sì, proprio così, è possibile sorseggiarli prima di andare a dormire. Basteranno 100 grammi di questi semi lavati e schiacciati da mettere in una pentola con acqua che si farà cuocere a fuoco lento per 5-6 minuti. Per finire si dovrà aggiungere ancora acqua e del miele per dare il giusto sapore dolce e rassicurante per concedersi un sonno buono e rilassante.

    Altro utilizzo efficace prima di andare a dormire è quello di mangiarne una manciata (mezza tazzina da caffè) prima di coricarsi, il risultato è assicurato.
    L’azione è esattamente come quella della melatonina (che viene naturalmente prodotta dal corpo umano in determinate condizioni), soltanto che qui agiscono triptofano e zinco, suoi degni precursori.

    Origini della zucca

    La zucca ha origine nel sud America, principalmente veniva già consumata in Messico e in Perù più di 8mila anni fa. È con la scoperta dell’America che iniziò la sua esportazione in Europa.

    Ciò che non tutti sanno è che si tratta di una bacca che può arrivare a pesare anche diverse centinaia di chili. Ne esistono di diversi colori (gialla, bianca, verde) e di diverse tipologie (tonda, ovale, allungata), e le sue specie in tutto il mondo sono circa 800, delle quali soltanto 200 sono commestibili. Solitamente si riconoscono dal loro stelo. Quelle che ne sono naturalmente prive spesso non sono edibili.