Aprile e erbe medicinali: quali possiamo trovare?

    Aprile e erbe medicinali: quali possiamo trovare?

    Aprile è il primo mese della primavera, in questo periodo la natura si risveglia e iniziamo a trovare tutta una varietà di erbe che prima non erano disponibili. Molte di queste possiamo usarle in cucina per le nostre ricette, altre invece hanno altre proprietà che possiamo utilizzare ad esempio in tisane o infusi. Molte di queste piante hanno anche proprietà medicinali e possono essere usate insieme alle terapie ordinarie per migliorare la propria condizione. Vediamo quindi quali piante medicinali possiamo trovare ad aprile. Ricordate che, come sempre, dalla natura possiamo ottenere tutto l’aiuto di cui abbiamo bisogno per migliorare la nostra vita.

    Calendula

    Solitamente si cita questa pianta per il suo fiore, infatti viene utilizzata molto a livello decorativo. Questo nome comprende al suo interno circa 20 specie con il colore del fiore che va dal giallo all’arancione molto acceso. In pochi però sanno che il fiore ha anche degli utilizzi in fitoterapia. In particolare viene utilizzato per le sue proprietà antispasmodiche e cicatrizzanti. Viene anche usata in omeopatia e viene consigliata in caso di ustioni o dopo la gravidanza. Un’altra curiosità: veniva anche utilizzata al posto dello zafferano per colorare gli alimenti.

    Agrifoglio

    Anche se sentiamo parlare di questa pianta soltanto durante il periodo natalizio possiamo trovare l’agrifoglio anche in questo periodo. In pochi sanno che da sempre l’agrifoglio viene usato per curare diversi disturbi grazie alle sue proprietà diuretiche, febbrifughe e lassative. Ora come ora in fitoterapia non viene molto utilizzato a causa delle sue proprietà tossiche se preso in quantità eccessive. Vediamo quali erano i suoi principali utilizzi:

    • Il decotto delle radici è diuretico;
    • Il decotto della corteccia ha delle proprietà febbrifughe;
    • L’infuso di foglie essiccate ha proprietà calmanti;
    • I frutti fatti essiccare hanno una proprietà diuretica.

    Come abbiamo detto però questo tipo di pianta non viene più utilizzato a causa della sua tossicità se preso in dosi eccessive.

    Crescione

    Questa pianta viene solitamente usata in cucina grazie alla sua forte aromaticità. Ha però molte altre proprietà che spesso vengono dimenticate (ricordiamo che per godere al massimo dei principi benefici che sono contenuti in una pianta è sempre meglio consumarla cruda). Tra le molte il crescione contiene molte vitamine e sali minerali. E’ molto utile quando vogliamo disintossicarci da fumo e smog, inoltre ha proprietà diuretiche.

    Efedra

    L’ultima pianta di cui vogliamo parlarti non può essere considerata medicinale, ma ha alle sue spalle sicuramente una storia curiosa: questa pianta infatti contiene al suo interno pseudoefedrina, sostanza che è alla base della creazione della metanfetamina. Prima che venisse considerata una droga questa pianta veniva utilizzata per le sue molte proprietà: funge infatti da vasocostrittore, antiasmatico e diuretico. Addirittura veniva inserita alla fine degli anni ’90 in alcuni integratori negli USA.

    Questa è una lista non completa di piante medicinali che possiamo trovare in questo meraviglioso periodo. Se ne conoscete qualcun’altra scrivetecelo pure, faremo in modo di redigere degli articoli e di parlare di questo argomento in maniera più approfondita.