Lecitina di soia: cos’è, proprietà benefiche e come utilizzarla

    Lecitina di soia: cos’è, proprietà benefiche e come utilizzarla

    Lecitina di soia: cos’è, proprietà benefiche e come utilizzarla

    La lecitina di soia può essere di origine vegetale (come quella contenuta appunta nella soia, nel mais o in altre leguminose), o di origine vegetale (come quella presente nelle uova).

    E’ un alimento che ha come sua massima proprietà per l’organismo umano quella di contrastare il colesterolo e di apportare moltissimi “grassi buoni” Omega3 e Omega6.

    A completezza di informazione ricordiamo che la soia (Glycine max) è una pianta appartenente alle leguminose e il frutto è costituito da un baccello di colore violetto contenente da 1 a 5 semi di colore giallognolo, i quali contengono un’elevata quantità di proteine, lipidi polinsaturi e glucosidi.

    La lecitina di soia è utilizzata spesso anche dall’industria alimentare come additivo, e quindi la possiamo trovare anche in varie creme da pasticceria, pizza e cioccolato.

    Lecitina di soia: proprietà benefiche

    La lecitina, che si ottiene dalla lavorazione dei semi (o fagioli) della pianta di soia, è ricca di Omega3 e Omega6, colina, inisitolo e vari sali minerali come ferro, potassio e calcio.

    Il maggior beneficio che possiamo trarre dal consumo di lecitina di soia è certamente l’abbassamento del colesterolo “cattivo” nel sangue, in quanto questo alimento può essere considerato un vero e proprio “pulitore del sangue”; oltre a ciò agisce positivamente anche sul sistema nervoso, protegge il fegato e aiuta i muscoli a rigenerarsi dagli sforzi.

    Grazie all’alta percentuale di colina, la lecitina di soia è anche indicata per chi attraversa periodi particolarmente stressanti da un punto di vista mentale e nel caso si sia provati da un punto di vista psicologico-nervoso; in tal senso agisce come buon ricostituente.

    Derivando la lecitina dalla soia, che è un legume, è anche assolutamente priva di glutine, e dunque può essere assunta senza timori anche da chi è affetto da celiachia.

    Infine, la lecitina di soia ha anche effetti positivi su pelle e capelli, grazie al fatto che è un buon tensioattivo naturale, ed è per questo che la troviamo spesso tra gli ingredienti di creme cosmetiche e shampoo.

    In caso di un alto consumo di lecitina di soia possono presentarsi alcuni effetti collaterali indesiderati, come nausea, diarrea, dolori/bruciori all’apparato digerente e calo di peso.
    In tal caso sospendere immediatamente l’assunzione e rivolgersi al proprio medico.

    Lecitina di soia: come utilizzarla

    Lecitina di soia: come utilizzarla

    La lecitina di soia viene commercializzata in polvere, compresse e granuli; in quest’ultimo formato può essere utilizzata come una specie di “condimento” (o integratore) da aggiungere ad insalate, yogurt, e altri piatti

    Al di là degli scopi terapeutici e benefici, la lecitina di soia può anche essere utilizzata in cucina come addensante: basta sciogliere due cucchiaini in mezzo bicchiere e aggiungere poi il tutto al composto che vogliamo addensare (ad esempio un impasto per pane o pizza, oppure al preparato di una crema per dolci).

    Tornando agli integratori, la lecitina di soia è spesso associata alla vitamina E (tocofenolo), alla vitamina B6 e al selenio, in modo da migliorarne le proprietà terapeutiche e ricostituenti.

    Per quanto riguarda il dosaggio si consiglia la lettura del foglietto illustrativo allegato alla confezione ma in media, la dose quotidiana raccomandata, è di circa 10 grammi al giorno.

    Lecitina di soia e OGM

    Una cosa a cui porre particolare attenzione quando parliamo di lecitina di soia (e di soia in generale), è il fatto che provenga da agricoltura OGM (Organismo Geneticamente Modificato).

    Sempre più utilizzata nell’alimentazione vegetariana e vegana, anche sotto forma di sostituti come il latte vegetale, il suo consumo potrebbe interferire con le funzionalità della tiroide e provocare diverse allergie; gli effetti a lungo termine sono ancora ignoti e in fase di studio.

    Ecco perché, in generale, non dovremmo esagerare con il consumo di questo alimento e cercare comunque di acquistare quella non proveniente da agricoltura OGM. Ne sconsigliamo la somministrazione a neonati, bambini e anche adolescenti (età dello sviluppo).

    Per saperne di più sulle qualità della soia

    Per concludere vi lasciamo in compagnia di questo video del noto Dott. Franco Berrino che ci illustra l’importanza della soia nell’alimentazione e dei suoi benefici.