Piede d’atleta: rimedi naturali per sconfiggere questa fastidiosa micosi

    Piede d’atleta: rimedi naturali per sconfiggere questa fastidiosa micosi

    Piede d’atleta: rimedi naturali per sconfiggere questa fastidiosa micosi

    Il “piede d’atleta” è una fastidiosa micosi (fungo) che colpisce i piedi e che genera arrossamenti, prurito, cattivo odore e desquamazione. 

    Al contrario di quanto il nome faccia presupporre, questa problematica non colpisce affatto soltanto chi pratica molta attività sportiva (quindi collegando la causa solo al sudore), ma può aggredire chiunque, e la genesi sarebbe da ricondurre ad un ambiente molto umido (scarpe spesso bagnate ad esempio).

    Il “piede d’atleta” prende anche il nome di “tigna del piede” ed è una micosi altamente contagiosa che normalmente parte proprio dalla pelle presente tra le dita, che è la più delicata e quella che rimane più a lungo umida.
    Se non curata immediatamente può in breve tempo allargarsi anche a tutto il piede, comprese le unghie (si nutre di cheratina), e seppur non sia una malattia grave è comunque molto fastidiosa, che può provocare anche notevole fastidio nella camminata.

    Inoltre è un fungo che aggredisce le naturali difese della pelle e quindi può aprire la via anche all’aggressione da parte di altri batteri esterni, peggiorando così la situazione clinica dei nostri preziosi arti inferiori.

    Piede d’atleta: umidità e altre cause

    L’umidità è senz’altro la causa primaria che favorisce il formarsi del piede d’atleta. Proprio per questo motivo è necessario fare molta attenzione al contatto prolungato con i pavimenti delle docce, delle saune e degli spogliatoi, caldi e umidi; sempre consigliate delle ciabatte che ci isolino dal contatto diretto con le mattonelle.

    Proprio per questa sua comunanza con l’acqua, il piede d’atleta è una micosi che colpisce soprattutto in estate, quando passiamo molto più tempo a contatto con sudore e acqua.

    Ma non solo acqua però. Anche l’umidità stessa creata dal piede chiuso dentro scarpe da ginnastica per tutto il giorno può creare l’ambiente ideale per lo sviluppo di questo fungo.
    Quindi, un altro consiglio utile, è quello di indossare scarpe chiuse solo per lo stretto periodo necessario e poi rilassarsi in casa con scarpe aperte che facciano respirare la pelle.

    Riassumiamo dunque schematicamente quali possono essere le principali cause dell’insorgenza del piede d’atleta che, ricordiamolo, colpisce in maggior parte adulti di sesso maschile:

    • Difese immunitarie basse o indebolite da altre patologie già presenti nell’organismo o da carenze alimentari (ad esempio carenza di zinco);
    • Predisposizione genetica individuale;
    • Cattiva traspirazione e dunque accumulo di umidità all’interno della scarpa (scarpe troppo strette o realizzate in materiali non traspiranti);
    • Abitudine (sbagliata) di camminare scalzi in luoghi pubblici (piscine, terme, saune, stazioni balneari, ecc.);

    Piede d’atleta: rimedi naturali

    Piede d'atleta rimedi naturali

    Prima di recarsi immediatamente in farmacia, possiamo provare a sconfiggere il “piede d’atleta” con rimedi naturali che risultano spesso anche molto efficaci; vediamo quali sono.

    • Pediluvio giornaliero in acqua tiepida e sale o bicarbonato (50 grammi per ogni litro d’acqua); lasciare in ammollo per almeno 20 minuti e poi asciugare bene, utilizzando anche il phon;
    • Massaggiare i piedi con dell’olio essenziale di Tea Tree, meglio se disciolto prima in una noce di gel di aloe vera; ripetere questa operazione anche due volte al giorno sui piedi perfettamente asciutti;
    • Mettere un po’ di carbonato all’interno delle calzature in modo che assorba l’umidità quotidiana emessa dal piede e l’ambiente rimanga asciutto e secco, ovvero ostile alla vita del fungo;
    • Utilizzare altri oli, unguenti e creme naturali a base di: timo, lavanda, estratto di semi di pompelmo, propoli, calendula, unghia di gatto, echinacea e avena;
    • Mangiare molta verdura e assumere molti probiotici, evitando invece zuccheri e carboidrati, che rappresentano un vero e proprio nutrimento per i funghi (come avviene anche per la candida ad esempio).

    Se entro un paio di settimane non si scorgono miglioramenti sarà allora necessario rivolgersi ad un medico e farsi prescrivere degli antimicotici di sintesi.

    Durante la cura e la presenza del “piede d’atleta”, se conviviamo in famiglia con altre persone, è bene tenere ben separati asciugamani e indumenti, in modo da non rischiare di attaccare anche agli altri la nostra micosi.

    Ma non esiste solo il “piede d’atleta” come fungo che colpisce i piedi; le micosi sono di vario genere e addirittura, almeno una volta nella vita, colpiscono circa il 50% della popolazione.
    Concludiamo dunque con il video sottostante dove vengono esposti, dalla dottoressa Jeanette Gaido, i rimedi per contrastare in generale queste fastidiose alterazioni cutanee.