Propoli: un potente antibiotico e antisettico naturale

    Propoli: un potente antibiotico e antisettico naturale

    Propoli: un potente antibiotico e antisettico naturale

    La propoli è uno dei prodotti dell’alveare che insieme al miele e al polline, conosciamo tutti meglio, al contrario di veleno d’api, pappa reale e cera d’api, che invece rientrano molto meno nell’utilizzo comune.

    La propoli la conosciamo bene perché spesso ci viene in aiuto quando siamo raffreddati o abbiamo il mal di gola o delle infezioni del cavo orale, ed è davvero efficace nel risolvere in modo naturale.

    Visto che lentamente ci stiamo lasciando alle spalle l’estate e tra pochi giorni entreremo nell’autunno, stagione che con la sua umidità e i primi freddi può portarci i primi malanni di stagione, ecco un articolo che vi dirà quali sono tutte le proprietà benefiche della propoli e come utilizzarla.

    Propoli: un potente antibiotico e antisettico naturale

    Propoli, tintura madre naturale

    La propoli è forse uno dei più potenti antibiotici naturali e il suo nome deriva dal greco: “Pro – Polis”, ossia “davanti alla città”. Questa alquanto strana provenienze etimologica va invece a descrivere esattamente “che cosa è la propoli”, ovvero un elemento utilizzato dalle api operaie proprio per proteggere “la loro città” (l’alveare) da batteri e germi esterni.

    La propoli è ricchissima di polifenoli e flavonoidi, e possiede anche un gran numero di sali minerali e vitamine; le sue qualità benefiche erano ben note sia agli antichi egizi che antichi greci.

    La propoli dimostra tutta la sua efficacia soprattutto per le affezioni del cavo orale, della gola e delle vie respiratorie; agisce da antibiotico, antibatterico e antisettico e in pochi giorni di toccature può risolvere mal di gola, tonsilliti, placche, gengiviti e stomatiti.

    Una particolarità della propoli di notevole interesse è quella di favorire anche la rigenerazione dei tessuti sani mentre contrasta i batteri patogeni, velocizzando così la guarigione; ecco perché risulta vincente contro herpes, micosi, faringiti e laringiti.

    La propoli rafforza il sistema immunitario e addirittura può essere utilizzati su tagli, sbucciature e graffi data la sua azione cicatrizzante, che favorisce il rimarginarsi delle ferite.

    La propoli agisce in modo benefico su tutte le mucose dell’organismo, contribuisce a sfiammare le articolazioni e regolarizza i disturbi metabolici.

    Inoltre con la propoli si può intervenire anche su malattie del tratto digerente (ulcere gastriche e duodenali) e dell’apparato urogenitale (nefriti; cistiti; infiammazioni dell’uretra, della prostata, della vagina).

    Come utilizzare la propoli

    Come utilizzare la propoli

    La propoli è facilmente reperibile in erboristerie e anche farmacie, in diversi formati; quello normalmente più utilizzato è sicuramente la tintura madre, che si può richiedere sia in soluzione idro-alcolica che senza alcool (brucia meno sulle parti lese) e solitamente si utilizza imbevendo un cotton fioc e facendo delle toccature direttamente sulle zone da curare.

    Se invece siamo afflitti da mal di gola (anche con placche), la miglior cosa è acquistare la propoli spray, da nebulizzare direttamente sulla gola; in questo modo si va a curare i batteri e allo stesso tempo creiamo anche una pellicola protettiva contro l’azione di altri patogeni esterni. Se lo spray diretto sulla gola arreca fastidio, è possibile sostituirlo con del collutorio.

    Infine è anche possibile assumere la propoli anche in compresse masticabili; non esagerare con le dosi perché potrebbe generare un effetto lassativo.

    Altre controindicazioni della propoli, essendo un prodotto dell’alveare, possono derivare dal fatto che il soggetto sia già predisposto ad una ipersensibilità verso tutti quegli alimenti provenienti dal lavoro delle api (in tal senso assicurarsi di non essere allergici).

    Evitare di utilizzare la soluzione idro-alcolica della tintura madre di propoli su neonati e bambini. Anche le donne in gravidanza dovrebbero evitarne l’utilizzo.

    Per i vegani che desiderano un’alternativa valida alla popoli esiste l’estratto di echinacea, l’aloe vera e il tea tree oil.

    Per gli appassionati del “fai da te” casalingo, ecco a chiusura un video che vi mostrerà come realizzare una tintura madre idro-alcolica di propoli da utilizzare poi durante l’arco di tutta la stagione.