Longan: proprietà, benefici e controindicazioni

    Longan: proprietà, benefici e controindicazioni

    Longan: proprietà, benefici e controindicazioni

    Il Longan, conosciuto anche come occhio di drago, è un frutto tipico asiatico che negli ultimi anni sta conquistando anche il palato degli europei. Si tratta di un alimento che possiede numerose proprietà benefiche per il nostro organismo, soprattutto contro i malanni che ci colpiscono durante la stagione invernale e non solo. La pianta può raggiungere un’altezza di almeno dieci metri e cresce diffusamente in Cina, Indonesia e in generale nel sud est asiatico. Il frutto ha una forma sfera e mostra una scorza di colore marrone e una polpa traslucida biancastra. Ecco tutte le sue caratteristiche, i benefici e le possibili controindicazioni.

    Longan benefici proprieta e come si usa

    Le proprietà del Longan

    Questo frutto possiede numerose proprietà benefiche per il nostro organismo. In primo luogo, è ricco di vitamina C e ha un basso contenuto calorico. Per queste sue caratteristiche è da sempre utilizzato nella medicina tradizionale cinese come rimedio naturale a molte malattie. Inoltre, è ricco di sali minerali come il potassio, il calcio e il fosforo. Tra le proprietà si annoverano poi quelle antisettiche, antibatteriche, antimicotiche, antinfiammatorie, rilassanti, immunostimolanti.

    I benefici del Longan

    Grazie alle sue numerose proprietà, questo frutto può essere utilizzato per prevenire e combattere i principali malanni da raffreddamento che ci colpiscono durante la stagione invernale: tosse, mal di gola, febbre, influenza, infiammazioni del tratto orofaringeo e congestione nasale. È in grado di stimolare le facoltà intellettive migliorando la concentrazione e le prestazioni cognitive. Stimolando il rilascio della serotonina, questo frutto possiede anche proprietà sedative che aiutano a calmare e a combattere l’accumulo di stress, l’ansia e gli episodi di attacchi di panico. Vi sono poi altre proprietà citate dalla medicina tradizionale cinese, ma che ancora non hanno ricevuto un chiaro riscontro dalla comunità scientifica. Tra queste si segnalano le capacità antimicotiche e antinfiammatorie nei confronti dei muscoli e della pelle.

    Controindicazioni del Longan

    Questo frutto, molto simile al litchi e altrettanto apprezzano in Asia, potrebbe avere alcuni effetti collaterali e controindicazioni anche se, ad oggi, non sono stati segnalati disturbi e problematiche gravi legate al consumo del Longan. Ovviamente, non bisogna consumarne in eccesso, altrimenti gli effetti possono essere spiacevoli e riguardare soprattutto l’apparato gastrointestinale. Bisogna, inoltre, fare attenzione a non ingerire i semi del frutto, poiché contengono troppe saponine e ci si può imbattere in effetti spiacevoli per il nostro organismo. In ogni caso, prima di procedere all’inserimento nel regime alimentare, si consiglia di consultare un medico o uno specialista.

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.