More: proprietà e controindicazioni

    More: proprietà e controindicazioni

    More: proprietà e controindicazioni

    Le more sono un frutto selvatico davvero squisito, che matura tra fine luglio e metà agosto; il completo colore nero attesta che è giunto il momento di raccoglierla e in bocca, la sua consistenza morbida e dolce con un leggero sentore tannico, la rendono davvero unica e inconfondibile.

    Con le more si realizza una delle marmellate più buone e diffuse (vedi video ricetta a fine articolo) e con le foglie di more una tisana lenitiva dalle eccellenti proprietà antiossidanti.

    Ma andiamo a conoscere meglio le proprietà della mora, ovvero il frutto del rovo, una pianta infestante e dotata di spine che cresce frequentemente a tutte le latitudini, dal mare alla montagna, nei boschi e lungo le vie di campagna.

    More: proprietà e controindicazioni

    Le more sono molto ricche di antiossidanti, che combattono i radicali liberi e agiscono anche con un’azione antinfiammatoria e vasocostrittrice.

    Sono ricche di vitamina C, vitamina A, vitamina E e vitamina K. Grazie ai flavonoidi hanno anche proprietà anti-tumorali e aiutano l’apparato digerente a funzionare meglio (un consumo costante di more fresche è in grado di far superare la stitichezza).

    100 grammi di more apportano all’organismo circa 43 kcal, un valore in media con gli altri frutti di bosco. Molto importante è il contributo che offrono di fibre alimentari e di vitamine C e K, con il 35 e 25% rispettivamente della dose giornaliera raccomandata.

    Le more, inoltre, hanno proprietà antibatteriche efficaci soprattutto per il cavo orale e stimolano anche le attività cognitive.

    E ancora: le more sono utili alle ossa, hanno proprietà cicatrizzanti e rafforzano il sistema immunitario.

    Ma le more non solo agiscono dall’interno; infatti possono essere utilizzate per la pelle e nello specifico sembrano particolarmente positive nella lotta contro l’herpes labiale e nella protezione della nostra epidermide dai raggi UV.

    Le more, infine, fanno anche molto bene alle donne in gravidanza, in quanto contengono una buona percentuale di acido folico.

    Le controindicazioni del consumo di more sono davvero minime, e possono provocare qualche disturbo intestinale solo se mangiate in grande quantità; ovviamente, a chi presentasse già delle particolari malattie organiche, è consigliato consultare il proprio medico prima di cibarsene.

    Come si prepara la marmellata di more?

    Come abbiamo detto in apertura di articolo, una delle ricette più squisite che si può preparare con le more è la marmellata; ecco a seguire la video-ricetta per utilizzare tutte quelle che avrete raccolto.