Zenzero: perchè è così importante

    Zenzero: perchè è così importante

    I 10 benefici dello zenzero

    Lo Zingiber officinale, nome scientifico che indica lo zenzero, è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Zingiberacee ed è molto famosa per le sue proprietà curative e disintossicanti dell’organismo

    Questa pianta, alta 90 metri, cresce prevalentemente in ambienti tropicali perché ha bisogno principalmente di temperature molto elevate e alti gradi di umidità, ed è caratterizzata da una radice molto ramificata.

    Questa pianta viene utilizzata in ambito culinario sia sotto forma di spezia sia come condimento. Sono diverse le culture, in particolar modo quelle orientali, che si sono servite dello zenzero per il trattamento di alcune problematiche fisiche. Vediamo insieme alcuni dei benefici più importanti che possiamo trarre dall’assunzione di questa miracolosa spezia.

    Zenzero: 10 incredibili benefici salutari 

    • Innanzitutto lo zenzero è molto importante per il nostro apparato digestivo, in quanto facilita e accelera l’assimilazione dei cibi. Questo perché è in grado di sciogliere i grassi, permettendo allo stomaco di alleggerirsi più rapidamente specialmente dopo pasti abbondanti. Per facilitare i processi digestivi è consigliabile assumere lo zenzero crudo, cioè mangiare direttamente la radice fresca.
    • I principi attivi contenuti all’interno di questa radice sono miracolosi anche per alleviare il dolore provocato dal mal di denti. Le proprietà antibatteriche contenute nello zenzero, infatti, riescono a far guarire tutte quelle infezioni che interessano la dentatura, come l’arrossamento delle gengive o piccole ferite che si possono creare nella bocca. 
    • I malanni di stagione, come il raffreddore ad esempio, possono essere curati tramite l’impiego dello zenzero in alternativa a farmaci e medicinali. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, lo zenzero è capace di apportare enormi benefici alle vie respiratorie superiori, liberando queste dal muco e consentendo una migliore respirazione.
    • Il ginger, termine inglese per indicare lo zenzero, si classifica come un potente rimedio naturale per contrastare gli stati infiammatori. A differenza dei classici medicinali, l’assunzione di zenzero non produce effetti collaterali come aritmie o debolezza dei muscoli.
    • Lo zenzero è anche molto utile per favorire il processo detox del fegato. Quando si parla di processo detox ci si riferisce alla disintossicazione e purificazione del corpo. Questo processo comincia, appunto, nel fegato, dove le sostanze tossiche vengono eliminate.
    • Altro beneficio che si può ricavare dall’assunzione dello zenzero è quello di migliorare la circolazione sanguigna, in special modo quella delle gambe. Nello specifico diminuisce la pressione arteriosa, previene le malattie cardiopatiche e aiuta il sangue a coagularsi meglio.
    • Secondo alcuni studi, lo zenzero costituisce un rimedio per la pressione alta. Molti pazienti infatti si affidano all’assunzione di questa spezia poiché risulta essere efficace nell’abbassare la pressione arteriosa.
    • La radice di zenzero è anche un ottimo rimedio per alleviare i sintomi provocati dal ciclo mestruale. Crampi, nausea e mal di testa possono essere contrastati grazie alle proprietà benefiche contenute in questa preziosa radice.
    • In aggiunta non possiamo non menzionare i suoi benefici nei confronti della prevenzione del cancro. Il gingerolo, principio chimico presente nello zenzero, inibisce infatti la crescita del tumore del colon e del seno.
    • Infine lo zenzero contribuisce all’accelerazione del nostro metabolismo. Infatti questa radice viene utilizzata molto spesso nelle diete dimagranti per la perdita di peso. Lo zenzero infatti aiuta a bruciare più velocemente i grassi e placa il senso di fame

    * Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

    Ultimo aggiornamento: 28/09/2020